Il Napoli subisce la prima sconfitta casalinga della stagione e dice addio alla coppa Italia. Merito dell’Inter, brava a restare corta, non mollare di un millimetro ed a capitalizzare le occasioni avute nella ripresa ed approdare alle semifinali della competizione tricolore.

Napoli-Inter 0-2, cronaca

In avvio gli azzurri stentano a trovare i ritmi a cui ci hanno abituato in campionato. Le maglie interiste si stringono confluendo in un pressing che sporca molte delle giocate di prima della squadra di Sarri.

Il Napoli è comunque pericoloso. Al 15′ Mertens calcia dala distanza impegnando severemente Handanovic.

Al minuto 26′ la squadra di Sarri confeziona forse la migliore aziona di tutta la partita: Strinic arriva fino alla linea di fondo e scarica per Callejon, il cui destro finisce fuori bersaglio.

Il Napoli fa possesso palla, l’Inter, sorniona, si limita a contenere grazie alla specialità della casa: ovvero una difesa impermeabile che per l’occasione vede centrali Juan Jesus e Miranda.

Si arriva così alla ripresa. Sarri tira fuori Allan (Hamsik) ed è costretto pochi minuti dopo a sostituire David Lopez infortunato per Jorginho.

Il brasiliano è dirottato nel ruolo di mezz’ala che poco gli si addice con Valdifiori che resta regista. Al minuto 71 l’Inter approfitta di una palla persa da Hamsik a centrocampo e va in gol grazie ad una splendida conclusione a giro di Jovetic.

A questo punto Sarri si gioca la carta Higuain (al posto di Gabbiadini che non ha ancora recuperato la forma migliore). Gli azzurri hanno un paio di occasioni: Sull’asse Pipita-Mertens.

Il belga crossa, Higuain va di testa ed il pallone finisce a lato di poco. Ancora Mertens, poco prima di essere espulso per doppia ammonizione, conclude a rete trovando di fronte un super Handanovic.

In dieci il Napoli tenta il tutto per tutto e subisce il 2-0, ancora in contropiede concluso stavolta da Ljajic. Napoli-Inter 0-2, nerazzurri in semifinale, ma il finale è avvelenato dalle accuse di Mancini a Sarri: “Mi ha chiamato frocio”. Sulla questione la procura della Figc ha aperto una inchiesta.