La Lazio ha battuto 1-0 il Napoli allo stadio San Paolo con un gol di Lulic, qualificandosi per la finale di Coppa Italia dove affronterà la Juventus il prossimo 7 giugno all’Olimpico di Roma.

Dopo l’1-1 della sfida d’andata, dunque, per la squadra di Stefano Pioli è arrivato questo successo in terra partenopea con una rete del bosniaco al 78’, che ha spezzato l’equilibrio del primo tempo ribaltando la situazione e mandando i biancocelesti in finale. D’altronde che la Lazio fosse scesa a Napoli con idee bellicose era chiaro, visto che Pioli aveva mandato subito in campo il tridente Candreva, Klose e Felipe Anderson con l’argentino Biglia regista. Il Napoli, invece, con il solo Higuain terminale offensivo coadiuvato da Hamsik, Gabbiadini e Mertens.

Dopo una prima occasione per Candreva e una per Gabbiadini, tanto pressing e poche occasioni per entrambe le squadre. C’è da chidersi, ora, quale sarà il futuro di Rafael Benitez, che ancora non ha rinnovato il suo contratto con il Napoli e sembra sempre più distante dalla panchina napoletana per la prossima stagione. Discorso simile, ma meno urgente, per Higuain, il quale senza la Champions League potrebbe anche decidere di lasciare Napoli.

Dall’altra parte, invece, c’è l’euforia di una Lazio giunta all’ottava vittoria consecutiva, con un vecchietto come Klose a far ancora faville ma sul cui futuro ancora non c’è chiarezza. E se Hamsik sembra soltanto l’ombra del grande calciatore che era, Candreva e Parolo si sono ancora una volta confermati come due dei migliori giocatori italiani sul mercato.

E pensare che lo 0-0 avrebbe premiato il Napoli. Forse proprio questo è stato l’errore dei partenopei, che non trovando l’affondo decisivo si sono accontentati del risultato ad occhiali. Scelta suicida, visto che al 78’ uno straripante Felipe Anderson crossa al centro dalla destra per Lulic che segna: 1-0, San Paolo gelato. Lo stadio fischia i giocatori del Napoli e, nel dopo gara, il presidente Aurelio De Laurentiis annuncia: “Ho deciso che da domani e fino alla fine della stagione se non si cambia rotta la squadra starà in ritiro. Si deve cambiare registro e avere rispetto per i tifosi e la società”.