L’ultimo round degli ottavi di finale di Coppa Italia, trofeo tornato in gran voga da qualche anno a questa parte, soprattutto da quando conferisce la possibilità di un ingresso in Europa, Sampdoria-Milan ha chiuso il quadro delle qualificazioni ai quarti, in programma il 19, 20 e 21 gennaio 2016. L’altalenanza di gioco e rendimento dei rossoneri ha avuto la meglio su una squadra totalmente decostruita nella struttura e nel morale come la Samp. Giocattolo, per l’appunto smontato, col quale il presidente Ferrero presto o tardi potrebbe stancarsi di avere a che fare e che Montella fa davvero fatica a ricostruire.

Ora proprio il Milan potrebbe avere una bella strada spianata nel corso della competizione, almeno fino alle semifinali. A gennaio dovrà tornare a vedersela contro il Carpi, dopo lo 0-0 piuttosto incolore della 15a giornata di campionato. Gli emiliani hanno eliminato a sorpresa la Fiorentina e venderanno cara la pelle ma se i rossoneri dovessero scavalcare l’ostacolo, troverebbero la vincente di Spezia e Alessandria (che dalla Lega Pro ha eliminato il Genoa ai supplementari), ovvero le due squadre rivelazione nella Coppa Italia più anomala dai tempi del Castel di Sangro, due club da prendere sicuramente con le pinze, ma oggettivamente nulla a che vedere con la parte alta del tabellone.

Una sezione, quella superiore degli accoppiamenti, decisamente più complicata e affascinante vista la presenza della crème delle squadre di Serie A con una doppia sfida ai quarti di notevole spessore. Da una parte la sempiterna battaglia tra Lazio e Juventus e dall’altra quella che potrebbe essere un’appassionante rivincita nello scontro tra Napoli e Inter, memore della recente sfida del San Paolo conclusasi con il successo partenopeo con i nerazzurri però a fare la parte del leone negli ultimi venti minuti, dopo aver giocato per tutta la ripresa in inferiorità numerica.

Questi dunque gli accoppiamenti dei quarti di finale:

Lazio-Juventus
Napoli-Inter

Spezia-Alessandria
Milan-Carpi