Serve un’impresa, ma sull’amata terra rossa qualche chance in più c’è. Intanto, è già bello, due anni dopo il ritorno tra i più forti, che l’Italia di Coppa Davis sia a Napoli a giocarsi un’incredibile semifinale, contro la pur forte Gran Bretagna di Murray. Nel week-end vedremo veramente quanto vale la squadra di Barazzutti.

La cerimonia del sorteggio, svoltasi a mezzogiorno nei saloni del TC Napoli, ha definito il volto della sfida valida per i quarti di finale della Coppa Davis, in programma da venerdì a domenica sulla terra rossa dell’Arena del Tennis costruita alla Rotonda Diaz, sul lungomare pedonalizzato di Via Caracciolo. Il primo atto ufficiale ha stabilito che saranno Fabio Fognini e James Ward ad aprire il programma del weekend, venerdì alle 11.30. A seguire Andreas Seppi e Andy Murray. Sabato il doppio alle ore 14, domenica gli ultimi due singolari a partire dalle 11.30. Leon Smith, capitano della Gran Bretagna, ha dunque optato per il più anziano James Ward nel ballottaggio tra numeri 2 con Daniel Evans. Rientrato il piccolo allarme riguardante proprio il numero uno britannico: Andy Murray non era presente alla cerimonia per un disturbo gastrointestinale, ma poi si è allenato nel pomeriggio.

FABIO FOGNINI: ”Ward? Lo conosco bene, non ci siamo mai affrontati, ma qualche anno fa ci siamo allenati insieme in Spagna. E’ un buon giocatore, ma io devo pensare solo al mio tennis. Certo, sarà un match importante” – sottolinea il numero uno azzurro, fresco di best ranking (numero 13) – ”Ogni giorno che passa mi sento meglio, credo di aver recuperato. La Davis, il fatto di giocare per il tuo Paese, ti regala emozioni forti, diverse da quelle del circuito”.

La notizia del giorno è, ovviamente, il problema fisico di Murray. ”Non so quali siano le sue reali condizioni, ma se il capitano lo ha schierato vuol dire che può giocare”. – sottolinea Andreas Seppi – ”Io mi sono preparato bene sulla terra e spero domani di riuscire a giocare contro Murray il mio tennis migliore. Giocare in casa è fantastico: ho bellissimi ricordi di Napoli e di Torre del Greco”. Quello del doppio potrebbe diventare il punto chiave dell’intera sfida: ”Il loro è comunque un buon doppio” – precisa Simone Bolelli”anche se la terra non è la superficie che amano di più”.

Corrado Barazzutti non sembra dare eccessivo rilievo all’assenza del fuoriclasse scozzese alla cerimonia del sorteggio. Né alle cattive previsioni meteo per il week-end. ”Sportivamente parlando speriamo che Murray stia bene”. – dice il capitano azzurro – ”Per quanto riguarda il tempo, domani e sabato è prevista pioggia ma non possiamo farci nulla. Sarà più complicato se si giocherà a sprazzi, soprattutto per la concentrazione, ma i giocatori sono abituati. Il sostegno del pubblico sarà molto importante per la squadra” – aggiunge – ”io ho ricordi bellissimi di quando ho giocato in Italia. Che dire: è sempre molto meglio giocare in casa: in Argentina a febbraio, per esempio, è stata dura. Mi aspettavo Ward come secondo singolarista: il successo contro Querrey nel turno precedente lo ha fatto preferire ad Evans. Quel che conta è portare a casa i tre punti. Per i valori dei giocatori, il fatto di giocare in casa su una superficie che non è l’ideale per i britannici, ci da un piccolo vantaggio. Sulla carta ci sono due singolari dove siamo favoriti mentre i match contro Murray sono un po’ più complicati. Il doppio è molto più equilibrato, ma noi forse siamo più forti”.

La pioggia, attesa, è l’altra questione che tiene banco. ”Terra più lenta? Non me ne preoccupo. Non dipende certo da me. Ho scelto Ward per la superficie e per quello che ha fatto nella sfida contro gli Stati Uniti, quando ha battuto Querrey. Non siamo i favoriti, ma ci giochiamo tutte le nostre chance”.
James Ward, 27 anni, numero 161 atp, ha il compito di confermare quanto di buono fatto vedere contro gli Stati Uniti: ”Fognini sta giocando il suo tennis migliore ed ha raggiunto anche il suo best ranking” – dice il numero due britannico – ”io però non ho alcuna pressione e posso fare bene”. Chi invece non vede l’ora di scendere in campo è Ross Hutchins, schierato in doppio al fianco di Colin Fleming: ”Personalmente sono orgoglioso di essere qui e di vestire ancora una volta la maglia della mia squadra”.

PROGRAMMA

ITALIA – GRAN BRETAGNA
Tutti gli incontri saranno trasmessi integralmente, in diretta e in HD su SuperTennis TV (canale 64 del Digitale Terrestre e 224 della piattaforma Sky)

venerdì
dalle 11.30:
Fabio Fognini (ITA) c. James Ward (GBR)
a seguire:
Andreas Seppi (ITA) c. Andy Murray (GBR)

sabato
dalle 14.00:
Simone Bolelli/Paolo Lorenzi (ITA) c. Colin Fleming/Ross Hutchins (GBR)

domenica
dalle 11.30:
Fabio Fognini (ITA) c. Andy Murray (GBR)
a seguire
Andreas Seppi (ITA) c. James Ward (GBR)