Evento nato nel 1957, con la prima edizione disputata in Sudan, la Coppa d’Africa festeggia quest’anno i suoi 60 anni. Diversi i trofei messi in palio nella competizione per nazionali.

SALEM ABDELAZIZ ABDALLAH

Versione originale, in argento, ribattezzata Salem Abdelaziz Abdallah, in onore del primo presidente CAF. Permesso al Ghana di tener permanentemente l’alloro nel 1978 come primo Paese ad aver iscritto il proprio nome nell’Albo d’Oro in tre occasioni. Decisiva la vittoria nella finalissima di quell’anno per 2-0 ai danni dell’Uganda.

TROFEO PER L’UNITA’ AFRICANA

Cambia forma il titolo assegnato lungo il ventennio 1980-2000. Rinominato “Trofeo per l’Unità Africana” o “Coppa Unità Africana” è stato assegnato dal Consiglio Supremo per Sport in Africa. Un pezzo cilindrico con gli anelli olimpici su una mappa del continente inciso su di essa, messo su una base quadrata caratterizzato da manici triangolari stilizzati. Ad essersi guadagnato il diritto di conservarla a tempo indeterminato il Camerun, capace di laurerarsi tre volte campione con l’avvento del nuovo secolo. Ultimo successo conquistato sulla Nigeria col punteggio di 4-3 dopo la lotteria dei rigori.

ETA’ CONTEMPORANEA

Nel 2001 prende forma, placcata in oro, la terza coppa, progettata e realizzata in Italia. Posto in bacheca il “vecchio” pezzo d’argenteria, il Camerun vince subito nel 2002. Chi può metterla in bella presenza per sempre è tuttavia l’Egitto, che nel 2010 strappa il terzo successo consecutivo, regolando 1-0 il Ghana. Diversamente dai precedenti primi classiicati l’Egitto ha però ricevuto una speciale replica a grandezza naturale, senza doverla restituire. Prima e seconda a cui vengono consegnate repliche di dimensioni ridotte.

CLASSIFICA ALL-TIME

Classifica all-time che vede primeggiare l’Egitto, uscito festante sette volte. Seguono a pari merito Ghana e Camerun, a quota quattro. Tre le imposizioni della Nigeria, due invece sia per la Repubblica Democratica del Congo che per la Costa d’Avorio, attuale campione in carica.