Nella seconda semifinale valevole per l’ingresso alla finalissima di Coppa d’Africa il Ghana supera con un perentorio 3-0 (doppietta di A. Ayew e Wakaso le marcature) la Guinea Equatoriale e vola a Bata dove incontrerà la Costa d’Avorio che, a sua volta, nell’altra sfida di semifinale ha avuto la meglio sulla Repubblica Democratica del Congo. Purtroppo però, triste a dirsi, lo spettacolo sportivo è passato in secondo piano rispetto a quanto avvenuto a Malabo in un brutto finale di partita che ha visto l’interruzione del match all’82′ a causa di pericolosi disordini sugli spalti.

A meno di 10 minuti dalla fine delle ostilità e a risultato ampiamente acquisito da parte delle Stelle Nere (André Ayew aveva fissato lo score sul 3-0 al 75′ dopo un’imprendibile scorribanda sulla sinistra di Appiah con tanto di assist), un nutrito gruppo di facinorosi della tifoseria della Guinea ha iniziato a prodursi in una serie di tafferugli scontrandosi con i supporter del Ghana in netta minoranza. I tifosi ghanesi sono stati sospinti verso il rettangolo verde e, a match ormai interrotto, si è reso necessario l’intervento delle forze dell’ordine locali per sedare gli animi dentro e fuori dallo stadio, con tanto di elicotteri.

Il match è stato successivamente portato a termine dopo un’interruzione di 40 minuti nella quale si è reso protagonista uno scenario folle e desolante che va a peggiorare una situazione già di per sé critica per la CAF che ovviamente si vedrà costretta a valutare sanzioni disciplinari nei riguardi della Guinea Equatoriale nazione ospitante subentrata al Marocco. Poco da dire sui contenuti di un confronto che ha visto la schiacciante superiorità del Ghana rispetto a una ben più modesta Guinea, autentica sorpresa del torneo, alla sua seconda partecipazione dopo il 2012.

Appuntamento dunque per la finale più prevedibile e attesa l’8 febbraio a Bata nel replay della memorabile finale Costa d’Avorio-Ghana dell’edizione ’92 finita ai rigori 11-10 per la nazionale ivoriana. Esclusi per dissapori con il tecnico Avram Grant Essien e Muntari e priva di Asamoah per infortunio, il Ghana può comunque vantare grande qualità in tutti i reparti per poter competere con la favorita alla vittoria finale.