I leoni sono tornati indomabili. Superando l’Egitto grazie ad un guizzo di Aboubakar, il Camerun conquista il quinto titolo, ancora campione continentale dopo 15 anni.

PRIMO TEMPO

Ritmi subito alti allo Stade de l’Amitié. El Said impegna Ondoa, mentre Siani e Bassogog cercano fortuna dal limite, ma El Hadary blocca facilmente le loro conclusioni. I Faraoni passano al 21’: Salah premia l’inserimento di Elneny e il centrocampista dell’Arsenal sorprende il portiere camerunese sul primo palo. Boccone amaro da mandar giù per i Leoni Indomabili, con l’Egitto che pensa prevalentemente a gestire il vantaggio, ricorrendo alla solita muraglia difensiva.

SECONDO TEMPO

Preoccupati quasi esclusivamente di interrompere il gioco avversario, Salah e compagni arretrano però troppo il baricentro. Si fa così incessante la spinta del Camerun, ripagata col pareggio di N’Kolou al 59’ su perentoria incornata. L’Egitto è in bambola e Salah, giocatore più atteso alla vigilia, prova a dare lo scossone tanto atteso. Peccato che i compagni non lo seguano, presi dalla paura di sbagliare. Il Camerun sente l’odore del sangue avversario e attacca sempre con insistenza, sciupando il raddoppio al 79’ con un destro alle stelle Moukandjo. Di tutt’altra concretezza Aboubakar, che stoppato di petto al limite dell’area, salta due difensori egiziani con un sombrero e con un rasoterra corona la favola Camerun.

EGITTO-CAMERUN 1-2 (1-0)
Egitto (4-2-3-1): El Hadary; Fathi, Gabr, Hegazy, El Mohamady; Hamed, Elneny; Trézéguet (66′ Sobhi), M. Salah, El Said; Warda. A disp.: Ekramy, Dewidar, Shafy, Hafez, Samir, Gaber, I. Salah, Koka. All.: Cúper.
Camerun (4-2-3-1): Ondoa; Fai, Ngadeu, Teikeu (31′ N’Koulou), Oyongo; Siani, Djoum; Bassogog, Zoua (90′ Mandjeck), Moukandjo; Ndip Tambe (46′ Aboubacar). A disp.: Goda, Bokwé, Mabouka, Djetei, Ngwem, Boya, N’Jie, Salli, Toko Ekambi. All.: Broos.
Arbitro: Janny Sikazwe (Zambia).
Marcatori: 22′ Elneny (E), 60′ N’Koulou (C), 89′ Aboubakar (C).
Note – Ammoniti: N’Koulou (C).