Non scrivo di calcio da un po’, ma questa volta ne vale la pena. Ci sono i bianconeri di mezzo. Poco da dire sull’esordio in Champions League della Juventus, ma due cose sono importanti. La prima: una squadra con la mentalità europea deve vincere la gara di Copenaghen. Quagliarella e compagni sono stati sicuramente sfortunati, ma il pessimo approccio alla partita e la scarsa incisività del primo tempo sono la prova che nella testa la squadra non ha ancora fatto il salto di qualità necessario per ambire ai traguardi europei.

La seconda: se neanche ieri Fernando Llorente ha trovato spazio significa che ci troviamo di fronte ad un caso. Inutile nasconderlo: Antonio Conte non lo può vedere. Il navarro non ha ancora capito niente degli schemi bianconeri ed il tecnico non ha voluto cedere Quagliarella, proprio perché sperava che Marotta gli piazzasse in prestito il pennellone ex Athletic Bilbao. Ieri meritava di giocare almeno 20 minuti, ma sappiamo come è fatto Antonio. Comanda lui. Bendtner e Anelka lo hanno capito. Ora lo sa anche Fernando. Buona Champions a tutti.

Silvio De Rossi su @Twitter e @Facebook

[Se hai voglia butta l'occhio sulla rubrica Blogger Inside, nata senza un senso (appunto, nonsense) apparente. Chiedo scusa a tutti quelli che hanno le idee sempre (troppo) chiare. Peace]