Domani la Juventus sarà ospite del Sassuolo dove cercherà di nuovo di portarsi a 8 lunghezze di vantaggio dalla Roma, seconda in classifica. Prima della partenza per l’Emilia nella classica conferenza stampa pre gara a Vinovo si scatena l’ira di Conte che non va di certo per il sottile rivolgendosi al collega giallorosso Rudy Garcia. Qualche giorno fa il tecnico francese aveva accusato le ‘piccole’ di non dare il massimo quando sfidano la Vecchia Signora (leggi qui le sue parole). Questa la ferma risposta dell’allenatore bianconero:

sinceramente sono rimasto sorpreso dalle dichiarazioni di Garcia, perchè le ho trovate molto provinciali sotto tutti i punti di vista. E andando un po’ indietro, se sommate agli aiutini, le posso catalogare nelle chiacchiere da bar, così come avevo catalogato gli aiutini. Sinceramente non penso che il campionato italiano dovesse aspettare Garcia per portare dei nuovi stimoli alle squadre che affrontano la Juventus, anche perchè Garcia deve sapere che sono tre anni che la Juventus è in testa al campionato, ne ha vinti due, ha vinto due Supercoppe, è stata sempre protagonista assoluta. Quest’anno è ancora in testa alla classifica. E chi gioca contro la Juventus gioca la partita della vita. Quindi non è che dovessimo aspettare Garcia che portasse grandi stimoli ai nostri avversari. Detto questo la trovo anche una grandissima mancanza di rispetto nei confronti degli allenatori che devono scegliere le formazioni, nei confronti dei calciatori che devono scendere in campo, nei confronti delle società che investono per centrare l’obiettivo salvezza, Europa League o Champions League, lo trovo anche irrispettoso nei confronti dei tifosi perché io non penso che i tifosi del Livorno, o del Bolgona, o dell’Inter, o chi per essi possa arrivare allo Juventus Stadium e pensare che la propria squadra non si impegni.  Non c’era bisogno dell’arrivo del signor Garcia’

Conte, poi, dichiara che Vidal e Barzagli stanno meglio. Bene, molto bene.

Per chiudere ogni sorta di discorso e per mettere a tacere tutte le illazioni capitoline la Juventus giunge al Mapei Stadium di Reggio Emilia, dove si prevedono più tifosi bianconeri che neroverdi, con l’intenzione di conquistare una vittoria che la porterebbe davvero a un passo dallo scudetto (leggi qui).

Il Sassuolo è in piena corsa per la salvezza, ha assoluto bisogno di punti e cercherà in ogni modo di fare lo sgambetto alla Juventus, anche in barba ai tanti legami che ci sono fra le due società. Nelle fila degli emiliani militano, infatti, parecchi calciatori che sono in comproprietà tra i nerovardi e la capolista. Uno di questi è Luca Marrone. Il centrocampista che spesso Conte ha utilizzato come difensore centrale in un reparto a tre, ultimamente sta vivendo un periodo davvero complesso. Un altro è Domenico Berardi. Il talentino, classe 1994, salterà la sfida di lunedì perché squalificato. Gli capitò lo stesso anche nella gara di andata. La sfortuna lo perseguita. L’ultimo è Simone Zaza. Uno dei protagonisti dei recenti risultati utili del Sassuolo. Vestono la maglia degli emiliani anche Ramon Chibsah e Reto Ziegler che hanno vissuto una piccola avventura in bianconero. Non finisce qui. Il direttore sportivo del Sassuolo, Giovanni Rossi, fino allo scorso campionato lavorava per le giovanili della Vecchia Signora.

A proposito di comproprietà, la Juve valuterà anche le situazioni degli attaccanti Ciro Immobile, attuale capocannoniere della serie A, e Manolo Gabbiadini. Il primo, che veste la maglia del Torino squadra che ne ha la comproprietà, pare essere nel mirino del Borussia Dortmund che intende sostituire Lewandosky. Il secondo, che veste la maglia della Sampdoria club comproprietario del suo cartellino, potrebbe arrivare sotto la Mole già nella prossima estate.

Intanto in Argentina continuano le marce per fare cercare di convincere Sabella a portare Carlitos Tevez, il giocatore del popolo, al Mondiale 2014 in Brasile. Quello che sarà probabilmente l’ultimo tentativo andrà in scena il 10 maggio a Buons Aires. Il c.t. albiceleste, invece, ha programmato un viaggio in Italia per vedere alcune sfide in cui saranno presenti giocatori argentini. Tra questa gare non c’è alcuna sfida della Juve. Cocciuto.