Conor McGregor è un lottatore unico al mondo. Perché? Basti dire che dopo aver conquistato la cintura pesi piuma UFC, mettendo KO il campionissimo Jose Aldo in soli 13 secondi e con un solo pugno, ha deciso di non riposare sugli allori e tentare un’impresa clamorosa: la conquista di una seconda cintura UFC nella categoria di peso dei leggeri. Purtroppo lo sfidante e campione del mondo UFC Rafael dos Anjos si è infortunato e questo ha costretto McGregor ad alzare ancora l’asticella, salendo ancora di categoria per approdare ai pesi welter sfidando ad UFC 196 il forte Nate Diaz. Questa notte non ci sarà un titolo in palio, ma ci sarà per McGregor un test importantissimo, fondamentale per capire davvero se si tratta di uno dei più grandi artisti marziali di sempre oppure se i sogni di gloria dell’irlandese di una conquista di ben tre cinture in differenti categorie di peso, piuma-leggeri-welter, rimarranno soltanto parole.

Analisi tecnica: McGregor vs Diaz

McGregor nei piuma è stato sempre il lottatore più grosso rispetto agli altri. Conor taglia tantissimo peso ogni volta per rientrare nei 66 Kg ma la sua struttura fisica rimane possente e anche il suo allungo è tra i più elevati nella categoria. Contro Nate Diaz McGregor ha messo su ben 10 Kg per rientrare nel limite dei 77 Kg e se la dovrà vedere contro un avversario più alto di lui e con un allungo superiore, abituato a combattere nella categoria dei pesi leggeri dove gli avversari incontrati sono sempre stati più potenti fisicamente di quelli incontrati da McGregor. Stanotte dunque McGregor potrebbe patire il maggior allungo di Diaz dovendo costantemente accorciare la distanza per arrivare a bersaglio con il suo sinistro.

Diaz inoltre ha un’altra caratteristica ostica per McGregor: è un eccellente lottatore di Jiu jitsu brasiliano (BJJ) e si allena con la Cesar Gracie Jiu-Jitsu, una delle palestre di Jiu-Jitsu più prestigiose negli Stati Uniti fondata da Cesar Gracie, appartenente alla famiglia che ha inventato il BJJ moderno.

Anche mentalmente Conor McGregor non avrà vantaggi, come sempre accade, infatti Nate Diaz è molto simile al fighter irlandese nel mettere in difficoltà i propri avversari con parole pesanti e offensive prima dei match. Entrambi sono maestri del trash talking e entrambi attuano una mental warfare, una guerra psicologica che consente di indebolire i propri avversari gettandogli fango addosso nel pre-match.

Detto questo, sappiamo come McGregor sia capace di tutto e abbia una tecnica tale nello striking, una capacità di incassare colpi durissimi e una convinzione nei propri mezzi che gli ha consentito imprese clamorose come il KO ai danni di Chad Mendes e il KO ai danni di Jose Aldo, due vittorie impensabili anche per gli addetti ai lavori.

Previsioni Conor McGregor vs Nate Diaz

I bookmaker non hanno dubbi: Nate Diaz, nonostante l’analisi tecnica vada a favore di quest’ultimo, è dato come nettamente sfavorito contro Conor McGregor. L’hype che è stato capace di creare l’irlandese è talmente grande che ci si aspetta una vittoria schiacciante. Per l’incontro con dos Anjos i bookmaker davano uguali possibilità al brasiliano e a McGregor, contro Diaz invece gli scommettitori presumono che l’irlandese avrà vita facile.

Non resta che aspettare le 4 di questa notte (in diretta su Fox Sports HD – canale 204 di Sky), per capire se McGregor potrà davvero competere e vincere in tre categorie di peso (si parla già di un possibile match contro il campione dei welter Robbie Lawler ad UFC 200) o se un’eventuale sconfitta con Diaz lo porterà a più miti consigli tornando a combattere esclusivamente nei pesi piuma.