Moreno Torricelli spegne oggi 44 candeline. Tra gli auguri di compleanno giunti all’ex difensore della Juventus vi sono anche quelli del sito ufficiale dei bianconeri. Con la vecchia Signora l’ex calciatore ha vissuto momenti straordinari vincendo una marea di trofei: una Champions League, una Coppa UEFA, due Coppa Italia, tre scudetti, una Coppa Intercontinentale, due Supercoppe Italiane e una Supercoppa Europea. Tanta, tanta roba.

Moreno Torricelli nasce a Erba il 23 gennaio 1970. Inizia la sua carriera in Promozione all’Oggiono (Lecco) per poi passare all’US Folgore Caretese, squadra della provincia di Como che militava in serie D. Come riportato dal sito ufficiale della Vecchia Signora, oltre alla attività di calciatore, Torricelli svolge in quel periodo anche quella di falegname. Nel 1992 gli attuali campioni d’Italia e la formazione brianzola si incontrano in un’amichevole e l’allora allenatore bianconero Trapattoni nota questo terzino sinistro. Nella primavera dello stesso anno viene convocato per disputare tre amichevoli con la Juve. Successivamente il club torinese decide di acquistarlo. Il 13 settembre 1992 esordisce in serie A in Juventus-Atalanta 4-1. Diventa immediatamente titolare. Nel 1992/1993 la Vecchia Signora conquista la Coppa UEFA. Nel 1994/1995 i bianconeri centrano l’accoppiata campionato, Coppa Italia e la stagione successiva la squadra di Lippi, dopo avere sconfitto il Parma nella finale di Supercoppa Italiana, compie un autentico prodigio: trionfa in Champions League salendo sul tetto d’Europa. È indimenticabile la finale dell’Olimpico di Roma vinta ai rigori contro l’Ajax nella quale Torricelli è titolare.

Nel 1996/1997 la Juventus conquista nuovamente lo scudetto, oltre alla Supercoppa Europea e alla Coppa Intercontinentale, mentre in Champions League viene clamorosamente sconfitta in finale dal Borussia Dortmund. Nel 1997/1998 i bianconeri vincono la Supercoppa Italiana e bissano il successo in campionato, ma devono nuovamente abbandonare il sogno del trionfo nella massima competizione europea nella finalissima contro il Real Madrid. Dopo tanti esaltanti trionfi qui termina la carriera juventina di Torricelli che saluta la Vecchia Signora dopo avere vinto tutte le competizioni possibili e immaginabili. Il giocatore si trasferisce alla Fiorentina dove rimane fino al 2002. Nel 2002/2003 si trasferisce all’Espanyol con la quale vive la sua unica avventura internazionale prima di chiudere la carriera all’Arezzo. Con la maglia della nazionale partecipa all’Europeo del 1996 e al Mondiale 1998. Intraprende la carriera da allenatore con gli esordienti della Fiorentina, passa poi alla Pistoise e infine al Figline.