Tutto il mondo Juventus vuole augurare un felice compleanno al suo fenomenale centrocampista Andrea Pirlo che festeggia oggi 35 anni. Il regista ha raggiunto l’accordo per il rinnovo del contratto con i bianconeri che scadrà nel 2016 e lì potrebbe chiudere la sua fantascientifica carriera.

Pirlo nasce a Brescia il 19 maggio 1979. Inizia a giocare a calcio nel Flero poi passa alla Voluntas prima di entrare nel settore giovanile del Brescia. Comincia la carriera in una posizione più avanzata, dietro le punte. Esordisce in serie A nella stagione 1994/1995. Le rondinelle sono già retrocesse e Andrea debutta nella sfida contro la Reggiana a Reggio Emilia. Nella stagione successiva conquista il torneo di Viareggio con la primavera dei lombardi. Nelle annate seguenti vissute a cavallo tra la massima categoria e la serie B inizia a farsi spazio in prima squadra. Nel 1998 viene acquistato dall’Inter. Con i neroazzurri muove i suoi passi in Champions League. Nel 1999 viene girato in prestito alla Reggina dove vive una stagione da protagonista, prima di tornare all’Inter dove non trova spazio. Nel mese di gennaio si trasferisce, sempre in prestito, al Brescia. Qui Mazzone decide di arretrare la sua posizione per potere schierare contemporaneamente lui e Roberto Baggio. Nasce il Pirlo regista. Nel 2001 passa al Milan. Dopo una prima annata vissuta prevalentemente in panchina, nella seconda riesce a ritagliarsi maggiore spazio anche a causa degli infortuni di Gattuso e Ambrosini giocando sempre davanti alla difesa. E’ la svolta della sua carriera. Nel 2002/2003 conquista da protagonista la Champions League sconfiggendo proprio la Juve in finale all’Old Trafford di Manchester. I rossoneri trionfano anche in Coppa Italia sconfiggendo la Roma in finale e nell’estate successiva vincono la Supercoppa Europea battendo il Porto. Nel 2003/2004 la squadra di Ancelotti vince lo scudetto, ma perde ai rigori la finale di Coppa Intercontinentale contro il Boca Juniors. Nel 2004/2005, dopo la vittoria in Supercoppa di lega contro la Lazio, accade l’incredibile. I lombardi approdano in finale di Champions dove, a Istanbul, incontrano il Liverpool. Il primo tempo si chiude 3-0 in favore del Milan. Nella ripresa gli inglesi pareggiano e vincono ai rigori. E’ una delle giornate più cupe della carriera di Pirlo. Uno dei momenti più tristi. Uno psicodramma, ma il regista avrà l’occasione di rifarsi. Nel 2006/2007 il destino mette nuovamente di fronte i rossoneri e i reds in un’altra clamorosa finalissima della massima competizione europea. Questa volta si gioca ad Atene. Il Milan trionfa 2-1. Nel 2007/2008 i rossoneri conquistano la Supercoppa Europea e il Mondiale per club. Andrea avrà tempo di vincere un altro trofeo con la maglia del diavolo. E’ lo scudetto 2010/2011. In questa annata, però, il campione non è assoluto protagonista a causa delle sue condizioni fisiche e di qualche incomprensione con il tecnico Allegri. Il suo rapporto con i lombardi si incrina, non rinnova il contratto e nell’estate 2011 passa alla Juve a parametro zero. Un autentico colpo di genio della dirigenza bianconera. Il fenomeno bresciano, insieme a Vidal e Marchisio, forma un terzetto di centrocampo fantastico ed è assoluto eroe del primo scudetto del periodo post calciopoli e dell’era di Antonio Conte. I bianconeri vincono proprio davanti al Milan. Nell’estate successiva la Vecchia Signora conquista la Supercoppa Italiana vincendo a Pechino contro il Napoli. Nella scorsa stagione Pirlo è stato protagonista della cavalcata verso il secondo scudetto consecutivo  e lo scorso 18 agosto ha conquistato nuovamente la Supercoppa di lega contro la Lazio. In questa stagione con le sue punizioni e le sue giocate ha favorito il terzo storico sigillo consecutivo in serie A. Straordinario.

Con l’under 21 azzurra Pirlo ha vinto l’Europeo di categoria nel 2000. Nello stesso anno ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney. Il 7 settembre 2002 ha esordito in nazionale maggiore, grazie al c.t. Trapattoni, in una sfida contro l’Azebaigian valida per la qualificazione agli europei. Con l’Italia il regista ha partecipato all’Europeo del 2004 e trionfato da eroe assoluto nel Mondiale 2006. Fa parte della spedizione all’Europeo del 2008, alla Confederations Cup del 2009, al Mondiale 2010, all’Europeo del 2012 e infine alla Confederatios Cup 2013. Con ogni probabilità, quasi con certezza, sarà convocato da Prandelli per il Mondiale in programma in Brasile la prossima estate, per ora è tra i pre-convocati.

LEGGI ANCHE:

Juventus campione d’Italia 2014: il film della stagione bianconera in video

Juventus campione d’Italia 2014: tutti i voti della stagione bianconera