Ci siamo. Oggi alle ore 18.00 la sfida tra Chievo e Juventus che si disputerà allo stadio Bentegodi di Verona aprirà la serie A 2014-2015. Finalmente dopo più di tre mesi di astinenza torna il nostro campionato. Spetta proprio ai Campioni d’Italia e ai veneti l’onore di aprire questo torneo.

C’è grande curiosità intorno alla nuova Juventus di Max Allegri. Dopo un’estate che ha lasciato qualche incognita oggi iniziano le gare con i punti in palio. Adesso si gioca per i grandi obiettivi: campionato, Coppa Italia, Champions League e Supercoppa Italiana (quest’ultima non si è ancora disputata e sarà contro il Napoli il prossimo 23 dicembre 2014 in una location ancora da definire). I bianconeri sono a caccia del loro quarto Scudetto consecutivo. Sarebbe un risultato straordinario. Vorrebbero, inoltre, percorrere un importante cammino europeo, magari entrare tra le prime otto squadre continentali. Tutto ciò senza dimenticare gli altri due trofei.

Oggi il primo passo in serie A a Verona contro il Chievo. I bianconeri dovranno rinunciare ad assenti importanti come Barzagli, Chiellini, Pirlo e Morata e il precampionato non è stato troppo probante. Solitamente le partenze di Allegri non sono esaltanti. Il tecnico toscano tende ad avere qualche difficoltà iniziale. Basti guardare ai suoi trascorsi con il Milan. Nella stagione 2010-2011, che si concluse con la conquista dello Scudetto, i rossoneri ottennero 5 punti in 4 partite. L’annata successiva furono 5 lunghezze in 5 partite. Nel 2012-2013 il Milan raccolse 7 punti in 8 gare (da sottolineare che l’allenatore aveva più giustificazioni come gli adii, non adeguatamente rimpiazzati, di giocatori del calibro di Thiago Silva e Ibrahimovic). Anche nella passata stagione raccolse 5 punti in altrettante gare, ma tutta l’annata rossonera fu abbastanza disastrosa. Pure nel resto della sua carriera le partenze non furono straordinarie e a precisa domanda il tecnico ha risposto ‘c’è stata solo una partenza buona che ho fatto, a Sassuolo l’anno che ho vinto il Campionato in serie C. Credo siano a volte anche le coincidenze ‘. La speranza dei tifosi juventini è che alla guida della loro squadra Allegri faccia bene da subito e questa è anche la sua ferma volontà. Oggi il primo verdetto e il toscano afferma ‘la squadra ha una buona condizione fisica, ma sopratutto quello che conta è la condizione mentale perché sarà una partita importante. Un buon risultato ci permetterebbe di lavorare più serenamente durante la sosta per le nazionali‘.

LEGGI ANCHE:

Avances calciatori alle giornaliste: un libro racconta le proposte indecenti

Mario Balotelli Puma Trinomic: SuperMario protagonista della campagna per Foot Locker

Gabriele Oriali Italia: UFFICIALE, è il nuovo Team Manager