La striscia negativa in campionato dell’Inter prosegue inesorabile, il che ormai ha chiaramente evidenziato che il problema dei risultati negativi è da ricercare più nella carenza dell’organico che nella guida tecnica. Il prossimo avversario in campionato è il Chievo,  che galleggia a pochi punti dalla zona retrocessione e che paradossalmente ha solo 4 punti in meno dei nerazzurri. Motivo per cui per Mancini & Co. è decisamente arrivato il momento di cambiare marcia, e questa, contro un Chievo non brillantissimo, potrebbe essere la volta buona. Anche se ormai il girone di andata è ai titoli di coda.

INTER Tra i pali Handanovic. Davanti al n.1 sloveno si posizionerà la consueta difesa a quattro composta dai centrali Ranocchia e Juan Jesus e D’Ambrosio, in ballottaggio con il rientrante Dodò, e Nagatomo sugli estreni. A centrocampo quasi sicuramente ci sarà la diga composta da Medel, Kuzmanovic e Guarin e davanti a loro prenderà posto Kovacic, nel nuovo ruolo cucitogli da Mancini di trequartista/rifinitore dietro le punte. La coppia d’attacco è ancora avvolta da un fitto alone di mistero, e a contendersi le due maglie da titolare saranno Icardi, Palacio e Osvaldo, con i due argentini favoriti sull’italo-argentino. Ancora niente convocazione per Jonathan e Hernanes, che probabilmente torneranno in campo dopo la pausa natalizia.

CHIEVO Tutti disponibili per mister Maran, ad eccezione degli squalificati Frey e Zukanovic. In porta Bizzarri, coperto dalla linea difensiva a quattro formata da Sardo e Biraghi sugli out in mezzo Gamberini e uno fra Cesar e Dainelli, con lo sloveno favorito. A centrocampo confermati ancora una volta Birsa e Hetemaj, mentre a fare da frangiflutti sulla linea mediana ci saranno con molta probabilità Radovanovic e Izco. Coppia d’attacco, gli intoccabili Paloschi e Meggiorini.

CHIEVO (4-4-2): Bizzarri; Sardo, Gamberini, Cesar, Biraghi; Hetemaj, Radovanovic, Izco, Birsa; Paloschi e Meggiorini. All Maran

INTER (4-3-1-2) Handanovic; D’Ambrosio, Ranocchia, Juan Jesus, Nagatomo; Guarin, Medel, Kuzmanovic; Kovacic, Icardi, Palacio. All. Mancini