Dopo i complimenti fatti a Mourinho da alcuni giornali inglesi per essere riuscito ad agguantare, nonostante una prestazione incolore e noiosa, un “risultato di valore” che può avvicinare il suo Chelsea alla finale di Champions a Lisbona, anche alcuni quotidiani italiani si espongono parlando del tecnico portoghese.

Stavolta per un episodio che poco ha a che fare con il calcio giocato.

Secondo quanto riporta il Mattino, gli avvocati dei boss Carmine Pagano, Carmine Amato e Rito Calzone hanno depositato alcune immagini agli atti del processo d’appello che vede i tre imputati per l’omicidio di Carmine Amoruso, ucciso il 5 marzo 2006 in una sala bingo di Mugnano, nel Napoletano.

I tre sono stati accusati da due pentiti di camorra di essere i mandanti del brutale assassinio, ma sarebbero proprio le immagini depositate a scagionarli dall’accusa.

Trattasi di foto-ricordo con José Mourinho e tre calciatori del Chelsea scattate  tra il 3 e il 6 marzo 2006 all’Arts, albergo nel quale i tre avrebbero alloggiato per sei giorni in tre diverse e lussuose suite costate 7mila euro a persona.

Le immagini pubblicate dal ‘Roma’ ritraggono Amato, Calzone e Pagano in posa con i tre calciatori e con l’attuale allenatore dei blues nei corridoi. In quei giorni lo Special One era a Barcellona perché impegnato con la squadra in una partita di Champions contro i blaugrana.

Oltre alle foto, gli avvocati difensori hanno depositato anche i biglietti aerei e le ricevute dell’albergo.

Il materiale in questione andrebbe a contrapporsi così alla versione dei pentiti, secondo la quale il 5 marzo 2006 Calzone era a Napoli con Pagano.

(foto by Infophoto)