Si è chiusa anche l’ultima giornata dei gironi di Champions League, i risultati, le classifiche e le qualificate agli ottavi di finale. Le sorprese non sono mancate, considerando soprattutto il mezzo passo falso del Real Madrid, che si va ad inserire nel novero delle formazioni che hanno chiuso al secondo posto e potranno affrontare, eventualmente, anche la Juventus e il Napoli negli ottavi di finale.

Gruppo E

Il Bayer Leverkusen, grazie alle reti di Yurchenko, Brandt e all’autogol di Morgan De Sanctis, ha battuto con un sonoro 3-0 il Monaco qualificandosi da il primo posto nel gruppo proprio a discapito dei francesi. Il club del Principato ha comunque avuto la forza di eliminare il Tottenham, al quale poco è servito il 3-1 rifilato al CSKA Mosca (doppietta Alli e Kane in gol per gli inglesi, di Dzagoev la marcatura russa). Gli Spurs di Pochettino retrocedono in Europa League.

Gruppo F

Un gol di Reus all’88’ condanna il Real Madrid al 2-2 interno contro il Borussia Dortmund (doppietta Benzema, Aubameyang e appunto Reus) ma soprattutto al secondo posto nel girone, chiuso proprio con il primato del Borussia di Tuchel. Per Benzema 50 gol in Champions League in carriera. Nell’altra sfida, un gol di Guilherme è stato sufficiente al Legia Varsavia per avere ragione dello Sporting Lisbona per 1-0. Polacchi a sorpresa in Europa League, portoghesi fuori da tutto.

Gruppo G

Nella gara che valeva la qualificazione all’Europa League il Club Brugge padrone di casa viene beffato per 2-0 dal Copenaghen (autorete Mechele e Jorgensen), risultato che premia i danesi e spedisce a casa con le pive nel sacco la formazione belga. Nell’altra gara, invece, sontuoso 5-0 del Porto ai danni del Leicester City di Claudio Ranieri: Silva, Corona, Brahimi, Andre Silva su rigore e Jota condannano gli inglesi alla più classica delle figuracce. Le Foxes del tecnico romano, ormai sicure del primo posto e smaniose di levarsi dalla zone pericolanti della Premier League, sono scese in terra lusitana giusto in gita.

Gruppo H

Oltre al 2-0 rifilato dalla Juventus alla Dinamo Zagabria, che ha sancito la chiusura dei bianconeri di Massimiliano Allegri al primo posto del girone, l’altra gara di giornata non ha offerto grandi emozioni. Perché lo 0-0 tra Lione e Siviglia è la cartolina di tornasole di un match dove i padroni di casa hanno messo in campo tanto cuore e nulla più; le 14 conclusioni verso la porta di Sergio Rico non ha destato dal torpore Lacazette e compagni. Da registrare una traversa di Tolisso e una di Valbuena. Siviglia che non potrà difendere il titolo di campione uscente dell’Europa League in quanto qualificata agli ottavi di Champions.