In serata si conclude la quarta tornata di partite della fase a gironi di Champions League ma già possiamo legittimamente stilare un bilancio sull’andamento dei vari Gruppi in merito ai club in via di qualificazione e quelli che si sono già di fatto qualificati prenotando un biglietto per la fase successiva, ovvero quella degli ottavi di finale a eliminazione diretta.

Cominciando dal girone delle italiane, e nello specifico la Juventus, il Gruppo D di riferimento vede il Manchester City che comanda il girone con 9 punti (grazie alla vittoria esterna a Siviglia) già aritmeticamente qualificato anche se dovesse perdere le prossime due partite in programma. Cosa non equivalente per la Juve, con i suoi 8 punti.

Procedendo in ordine alfabetico di gruppo troviamo un’altra squadra qualificata col beneficio dell’aritmetica. Si tratta del Real Madrid che, vincendo al Bernabeu contro il PSG si è portata in vetta al girone con 10 punti, irraggiungibile ormai per Shakhatr Donetsk e Malmö ferme a 3. Ancora a rischio invece la qualificazione dei francesi, secondi a 7 punti.

Per quanto riguarda i rimanenti gruppi, B e C, notiamo una situazione molto più ingarbugliata e competitiva, specialmente nel girone di riferimento del Manchester United, primo a 7 punti dopo la vittoria interna contro il CSKA Mosca ma tallonato a una sola lunghezza da Wolfsburg e PSV Eindhoven, reduci dallo scontro diretto vinto dai Lupi per 2-0. Un po’ più distanti i moscoviti a quota 4, ma ancora in perfetta corsa qualificazione.

Nel Gruppo C invece tutto sembra pendere dalla parte del Benfica, primo a 9 punti ma inseguito a 2 lunghezze dall’Atletico Madrid, atteso nello scontro diretto finale a Lisbona l’8 dicembre. Il Galatasaray è fermo a quota 4, ma potrebbe rientrare nei giochi grazie al prossimo match contro l’Atletico. Improbabile invece la qualificazione dei kazaki dell’Astana ultimi a 2 punti.