L’inizio del campionato con la nuova Serie A alle porte è nell’aria, ma si respira anche aria di Champions League per le italiane e, nella fattispecie, per la Roma che quest’anno deve passare per i preliminari avendo concluso la stagione scorsa al terzo posto. Non le è andata proprio benissimo ai sorteggi perché ha pescato il Porto (giunta ugualmente terza nella Liga portoghese, dietro Sporting Lisbona e Benfica), squadra storicamente ostica e scorbutica che in serata all’Estadio do Dragão tenterà in tutti i modi di fare risultato contro i giallorossi, sfruttando il vantaggio di una condizione atletica migliore essendo già iniziato il campionato in Portogallo (per il Porto esordio con vittoria in casa del Rio Ave).

Per Nuno Espirito Santo la disposizione tattica è quella di un 4-3-3 molto offensivo con l’ex Real Madrid Casillas in porta, Felipe e Marcano difensori centrali, e Maxi Pereira e Alex Telles a presidiare le zone laterali. A centrocampo nel ruolo di regista troviamo il messicano Hector Herrera, a lungo corteggiato dal Napoli. Più decentrati ci sono invece Danilo e André André. Il trittico offensivo invece è composto dal brasiliano Otavio e dall’altro messicano Corona come esterni e André Silva al centro dell’attacco.

Il nuovo acquisto Bruno Peres è sbarcato ieri nella capitale, quindi non potrà essere utilizzato ma Luciano Spalletti conta di schierarlo sicuramente al ritorno. Il modulo di partenza dovrebbe essere verosimilmente il 4-3-3 con la coppia di centrali Manolas-Vermaelen davanti a Szczesny e Florenzi e Juan Jesus nel ruolo di terzini. Pjanic è passato alla Juventus ma al suo posto è tornato Kevin Strootman dopo un lungo calvario che affiancherà Nainggolan come mezzala, con De Rossi invece schierato come da consuetudine davanti alla difesa a orchestrare il gioco della Roma. Davanti il tridente è formato da Salah e Perotti sull’esterno e Dzeko punta centrale.

Porto (4-3-3): Casillas; Maxi Pereira, Felipe, Marcano, Alex Telles; Danilo, Herrera, André André; Otávio, André Silva, Corona. All. Nuno Espirito Santo.

Roma (4-3-3): Szczesny; Florenzi, Manolas, Vermaelen, Juan Jesus; Nainggolan, De Rossi, Strootman; Salah, Džeko, Perotti. All. Spalletti.