L’UEFA ha annunciato la prossima apertura dei Champions League Experience, una serie di concept store che avranno il compito di aumentare la brand equity del marchio Champions League, un’operazione che il governo del calcio europeo condurrà in partnership con Marka, società di Dubai attiva nel settore fashion retail e ristorazione che conta tra i suoi soci i più preminenti uomini d’affari degli Emirati Arabi. L’inaugurazione del primo negozio è fissata per il prossimo maggio nello Yas Mall dell’isola di Yas, ad Abu Dhabi.

Come racconta il sito ufficiale dell’UEFA, il primo store sarà di 1600 mq e ospiterà “una combinazione unica di commercio al dettaglio e ristorazione: i fan potranno acquistare prodotti relativi ai top club europei in una serie di negozi dedicati, così come una serie di memorabilia firmate dalle leggende di questo sport“.  Non mancherà il museo della Champions League e un negozio dove acquistare i prodotti ufficiali UEFA. Inoltre, questi store avranno al loro interno un ristorante tematico, in cui i clienti potranno mangiare “immersi in un setting da stadio che restituirà la classica atmosfera della Champions League“, mentre sui maxischermi scorreranno le immagini delle partite storiche della competizione.

In poche parole, l’UEFA sta provando a lanciare la versione calcistica degli Hard Rock Cafe, la celebre catena di ristoranti tematici ispirata dal mondo della musica, fondata nel 1971 da Peter Morton e attualmente di proprietà degli indiani Seminole (!), che deve la sua popolarità planetaria al fatto di custodire, nei suoi quasi 200 esercizi, una collezione di circa 80mila reliquie appartenute alle celebrità della musica rock.

Al momento, l’obiettivo è quello di aprire una serie di Champions League Experience in Medio Oriente, dove la popolarità del calcio è in netta espansione e da dove provengono i soldi che tengono in piedi diversi grandi club europei (PSG e Manchester City, ma anche Milan, Arsenal, etc). Il passo successivo, prevedibilmente, sarà quello di allargarsi anche al di fuori dell’area del Golfo.

Photo credit: InfoPhoto