Il Siviglia si impone 1-0 col Lione ed è primo nel gruppo H con la Juve. I risultati del martedì di Champions.

SIVIGLIA-LIONE 1-0

Spettacolare lo scontro al Sanchez-Pizjuan. Gli andalusi di Sampaoli rischiano di capitolare nel primo tempo sulle controffensive dei francesi, che sfiorano il vantaggio con Fekir (traversa) e Cornet. Spagnoli che però sbloccano il risultato (53′) con un colpo di testa a porta vuota di Ben Yedder su torre di Vietto. Il Lione, nel tentativo di pareggiare, lascia spazi al Siviglia, che però non ne approfitta. Al 64′ Vietto spedisce alle stelle un rigore concesso dall’arbitro olandese Nijhuis per un netto fallo di Gaspar su Nasri. Lione che resta vivo e nel finale Tolisso colpisce la traversa.

LEICESTER-PORTO 1-0

Il Leicester rimane a punteggio pieno nel girone G. Gli uomini di Ranieri trovano il gol al 26′: autore l’ex Slimani, con un bel tuffo di testa su cross dalla destra di Mahrez. La reazione del Porto nel primo tempo è sintetizzabile in una punizione di Layun di poco a lato, tuttavia il Leicester non approfitta mancando per due volte il raddoppio con Mahrez. I lusitani attaccano in modo più insistente, ma prima Herrera e poi Corona, che coglie in pieno un palo, non riescono a raddrizzare il risultato.

CSKA MOSCA-TOTTENHAM 0-1

Il Tottenham riscatta a Mosca il ko interno con il Monaco. Registrate un paio di chance per parte (entrambe con Tosic i russi, con Alli – traversa – e Son gli Spurs), Son firma il gol-vittoria degli Spurs con un forte destro sul primo palo su assist smarcante di Lamela. Il CSKA accusa il colpo e Son quasi raddoppia allo scadere.

BORUSSIA DORTMUND-REAL MADRID 2-2

Ripreso due volte dal Dortmund, il Real manca l’occasione di staccare i tedeschi in vetta alla classifica del gruppo F. Il solito Ronaldo porta avanti i “Blancos”, infilando l’angolo opposto con un bel destro in diagonale su assist di tacco di Bale. E dopo le polemiche dei giorni scorsi, tra CR7 e Zidane ci scappa anche una stretta di mani. Il Borussia pareggia poco prima dell’intervallo: Navas respinge addosso a Varane una punizione da fuori di Guerreiro e fa schizzare la palla verso la porta, consentendo ad Aubameyang di andare a segno. Spagnoli ancora avanti nella ripresa, grazie a un tap-in di Varane, lesto a ribadire un tocco ravvicinato di Benzema respinto prima dal palo e poi dalla traversa. I tedeschi non gridano la resa e Schurrle fissa il punteggio sul definitivo 2-2, che infila un gran sinistro sotto l’incrocio raccogliendo un cross dalla destra di Pulisic.

COPENHAGEN-BRUGES 4-0

Il Copenhagen umilia il Bruges e resta da solo al 2° posto nel girone del Leicester. I danesi concretizzano la loro pressione nella ripresa con l’aiuto di Denswil che al 54′ devia sciaguratamente nella propria porta in scivolata un cross dalla destra di Ankersen. Il difensore nerazzurro va nel panico e al 61′ regala anche un rigore agli avversari atterrando Santander. Butelle compie una prodezza per respingere la conclusione dal dischetto di Augustinsson, ma nulla può 3′ dopo quando Delaney infila l’incrocio con un gran sinistro di controbalzo. Il Copenhagen insiste e al 69′ cala il tris con un gran sinistro al volo di Santander su angolo di Augustinsson. Jorgensen porta la firma del 4-0, che al 92′ gira in rete di testa un corner dalla destra di Augustinsson.

MONACO-BAYER LEVERKUSEN 1-1

Il Monaco riesce a scamparla solo grazie a Glik dalla sconfitta interna con il Leverkusen. Il Bayer ringrazia e al 73′ va in vantaggio con un colpo di testa ravvicinato di Hernandez su cross dalla destra di Mehmedi. Il Monaco si riversa tutto in avanti e proprio all’ultimo secondo (94′) raggiunge il pari: l’ex difensore granata raccoglie una torre di Carrello e infila l’angolo con un gran destro di controbalzo dal limite.

SPORTING LISBONA-DINAMO ZAGABRIA 2-0

Allo Sporting basta un tempo per liquidare la pratica Legia. Dopo una clamorosa traversa a colpa vuota di Martins, arriva l’inevitabile 1-0 (28′): la firma è di Ruiz con un preciso tocco di sinistro in diagonale su angolo dalla destra di Cesar. Lo Sporting insiste e al 37′ raddoppia con un bel destro al volo di Dost su lancio smarcante di Adrien Silva, chiudendo l’incontro.