Questa sera Bee Taechaubol sarà a cena ad Arcore, ospite di Silvio Berlusconi, per concludere la trattativa sulla vendita del Milan.

Le parti sembrano aver trovato un’intesa anche sulle cifre: il magnate thailandese rileverà il 51% del club pagando 500 milioni di euro, valutando dunque complessivamente la società Ac Milan circa 1,2 miliardi di euro. Alla cifra d’acquisto, infatti, vanno aggiunti anche i 360 milioni di euro di debiti, che saranno coperti integralmente da Mr Bee.

Dopo 28 anni di onorato servizio, dunque, l’epopea di Silvio Berlusconi alla guida del Milan va in pensione. Questa sera, mentre i rossoneri saranno impegnati a San Siro contro il Genoa, ad Arcore si materializzerà questa fantomatica cena, che dovrebbe essere il viatico per la diffusione del comunicato ufficiale di vendita del club previsto per giovedì mattina.

Mr Bee è a capo di una cordata di investitori di Abu Dhabi e cinesi. Nel futuro del Milan anche la doppia quotazione in Borsa a Hong Kong e Piazza Affari. Ad affiancare Mister Bee la Ads Securities, società di brockeraggio di Dubai e la cinese China Citc Bank, banca commerciale controllata dalla China International Trust and Investment Corporation (CITIC), con un patrimonio di oltre 475 miliardi di dollari. Entrambe le istituzioni fanno capo al Governo cinese.

L’offerta di Mr Bee sarà di quelle da “prendere o lasciare”: in sostanza, non ci sono margini di trattativa, considerando soprattutto i bilanci del club. Il finanziere thailandese è convinto che non ci siano ragioni per un fallimento della trattativa. Nella giornata di martedì Adriano Galliani aveva annunciato: “La cosa che più preme a Berlusconi è il bene del Milan. La cessione è tutt’altro che cosa certa, se sarà fatta, lo sarà per il bene del Milan. Più di quello che sta facendo Fininvest per il Milan non l’ha mai fatto nessuno. Ha investito cifre iperboliche”.