Cesare Prandelli (foto by InfoPhoto) resta sulla panchina dell’Italia almeno fino agli Europei di Francia del 2016. E’ Ansa a dare la notizia, citando fonti interne alla FIGC: l’attuale commissario tecnico firmerà nelle prossime settimane un accordo che lo legherà alla nazionale italiana anche per le prossime due stagioni. L’accordo è stato trovato nei giorni scorsi sulla base di un biennale per reciproca volontà delle parti: Prandelli potrà così guidare l’Italia fino agli Europei del 2016, indipendentemente da come andrà il Mondiale in Brasile, e il presidente federale Giancarlo Abete garantisce una guida sicura alla nazionale fino al termine del proprio mandato (nel 2016, perlappunto).

Prandelli avrà anche più poteri. Spetterà al cittì, infatti, concordare con Federazione e Club Italia il programma tecnico della nazionale, tramite una collaborazione più intensa e proficua con la Lega Calcio, con l’obiettivo di armonizzare al meglio il calendario azzurro, stage compresi.

Si tratta di un’ottima notizia per il calcio italiano. Nonostante alcuni eccessi moraleggianti di cui avremmo fatto volentieri a meno, Prandelli ha tratto il massimo da una generazione di calciatori neanche lontanamente paragonabile a quelle precedenti, ottenendo risultati superiori alle aspettative, vedi finale degli Europei 2012 e qualificazione in largo anticipo ai Mondiali 2014. Soprattutto, al cittì va riconosciuto il merito di aver mantenuto quella dimensione internazionale che il nostro movimento ha purtroppo perso a livello di club. Vista anche la mancanza quasi totale di alternative credibili, il futuro azzurro non poteva essere affidato a mani migliori.

LEGGI ANCHE:

La maglia dell’Italia ai Mondiali 2014

Prandelli detta le condizioni

Il programma azzurro in Brasile