La notizia circolava sotto traccia da qualche giorno, ora sono arrivati i primi riscontri: Massimo Cellino starebbe per cedere il Cagliari alla Qatar Sport Investments, il fondo sovrano che già possiede il Paris St. Germain. Secondo quanto riporta l’Unione Sarda nell’edizione odierna, la cifra che il gruppo arabo presieduto da Nasser Al-Khelaifi, braccio destro dell’emiro Al Thani (foto by InfoPhoto), potrebbe versare nelle tasche di Cellino va dai 70 agli 80 milioni di euro per l’acquisizione del pacchetto di maggioranza, anche se l’imprenditore sardo potrebbe restare in società con un ruolo alla Moratti. L’obiettivo grosso di Cellino, comunque, sarebbe il Leeds, benché resti da superare il non indifferente scoglio del regolamento della FA, che impedisce la presidenza di un club a chi abbia pendenze giudiziarie.

Giovedì scorso, Massimo Cellino avrebbe incontrato a Ginevra alcuni emissari dell’emiro Al Thani per proseguire una discussione nata in Florida, dove entrambi risiedono abitualmente. L’interesse dei qatarioti per il Cagliari, com’è facile immaginare, è legato a doppio filo a quello per la Sardegna – solo un mese fa, la Qatar Foundation ha chiuso un accordo con la regione sarda per il controllo del San Raffaele di Olbia, per non parlare della Costa Smeralda, finita nelle mani degli emiri qatarioti un paio di anni fa. L’importante, limitandoci all’aspetto calcistico, è che il progetto-Cagliari sia solido. Magari non Parigi, ma nemmeno Malaga.