Dopo la beffarda sconfitta al San Paolo ad opera della Fiorentina (leggi qui la cronaca della gara), il Napoli è chiamato ad un appuntamento importante e difficile quale quello del Massimino.

Nello stadio siculo, infatti, è tutto pronto per la partita valida come 30esima giornata di campionato che si disputerà questa sera tra i partenopei e il Catania.

Per gli etnei la salvezza si sta facendo sempre più complicata.

Per i campani il secondo posto sembra un discorso chiuso dopo l’ennesima vittoria della Roma avvenuta nella serata di ieri sul Torino.

I siciliani hanno bisogno di punti. I napoletani ugualmente, da un lato per rivalsa psicologica, dall’altro per mettere al sicuro il terzo posto da una Fiorentina in continua altalena di risultati ma pur sempre pericolosa.

E’ la gara di amici e ‘non’, con Andujar, portiere acquistato dal Napoli che difenderà la porta del Catania fino a giugno (per i dettagli clicca qui).

E’ la gara dei gemellaggi, con due tifoserie in armonia. E’ il derby dei vulcani, con l’Etna che saluta il Vesuvio. E’ il derby del Sud.

I precedenti dicono che in quindici trasferte a Catania tra serie A e serie B, solo due sono state le vittorie partenopee contro 6 pareggi e 7 trionfi dei padroni di casa. Sono 6 i gol del Napoli, ben 13 quelli della squadra sicula.

L’ultima vittoria dei catanesi risale all’ottobre 2011 con reti di Cavani, Marchese e Berghessio per il risultato di 2-1. L’ultimo pareggio al settembre 2012, mentre l’ultima vittoria del Napoli è datata novembre 2002 in serie B per 0-2 con reti di Dionigi (su rigore) e Sesa.

La gara sarà diretta da Massa di Imperia, che ha due precedenti con il Napoli terminati con due vittorie. Il fischio d’inizio è previsto per le 20,45. Il match sarà visibile su Premium Calcio 3 e Sky Calcio 3 HD.

Il Catania è senza lo squalificato Bergessio e gli infortunati Castro e Spolli, Maran dovrebbe dunque operare alcuni cambi nell’undici titolare. Il suo 3-5-2 dovrebbe vedere Andujar tra i pali ed una linea difensiva formata da Bellusci, Gyomber e Rolin. A centrocampo Peruzzi, Izco, Lodi, Rinaudo, Monzon, mentre in attacco per sopperire alla mancanza di Bergessio potrebbe formarsi la coppia Barrientos-Keko.

Benitez (foto by Infophoto), invece, deve fare i conti con Mertens infortunato (per approfondimenti clicca qui) e Ghoulam squalificato. Anche Behrami è fuori per influenza, dunque il consueto 4-2-3-1 dovrebbe vedere Reina tra i pali ed un reparto arretrato composto da Fernandez e Albiol centrali, Henrique e Reveillere esterni (quest’ultimo viene spostato sull’out mancino). A centrocampo la coppia Dzemaili-Jorginho (Inler potrebbe entrare in corso di gara), mentre in attacco dovrebbero esserci Callejon e Insigne in supporto a Higuain. Dubbi riguardo ad Hamsik, in quanto sembra che Goran Pandev sia leggermente favorito sullo slovacco. Potrebbe tuttavia applicarsi anche il suo inserimento con il macedone a sostituire il Pipita.

CATANIA (3-5-2): Andujar, Bellusci, Gyomber, Rolin, Peruzzi, Izco, Lodi, Rinaudo, Monzon, Barrientos, Keko. All. Maran

NAPOLI (4-2-3-1): Reina, Henrique, Fernandez, Albiol, Reveillere, Jorginho, Dzemaili, Callejon, Pandev, Insigne, Higuain. All. Benitez