La situazione di un Antonio Cassano svincolato, in seguito alla rottura e conseguente rescissione del contratto che lo legava al Parma, fa gola a moltissimi club. La possibilità di acquistare fantAntonio a parametro zero dettando anche condizioni d’ingaggio da una posizione di vantaggio ha messo in moto tutta una serie di movimenti di mercato intorno al barese aprendo suggestivi scenari proprio mentre la sessione invernale del mercato è giunta agli sgoccioli.

La primissima ora dello svincolo ha visto l’interessamento da parte degli Emirati Arabi, pronti ad offrire a Cassano il “solito” contratto faraonico con il giocatore che terrebbe la carta araba come asso nella manica. Stando alle sue volontà, l’attaccante di Bari vecchia ha espresso il desiderio di tornare a Roma, un po’ per antichi amori, un po’ perché il sogno di poter giocare in una squadra di vertice è presente nel suo dna. L’ipotesi di tornare nella capitale offrendosi per 500 mila euro da qui a giugno è stata però cortesemente declinata dalla società giallorossa.

La pazza idea Cassano potrebbe solleticare invece il club pazzo per antonomasia, ovvero l’Inter, il cui mercato è in continua fibrillazione e un acquisto last minute del genere potrebbe ingolosire anche Mancini per un’opzione in più e di livello in un reparto offensivo che vede la partenza di Osvaldo (sicura), quella di Bonazzoli (probabile) e un Palacio acciaccato. Con risvolti psicologici, quelli di un ritorno dopo la cacciata, tutti da valutare.

Le ipotesi più concrete però al momento rimangono due: Genoa e Bari. Preziosi come contromossa geniale da opporre al fantamercato della Sampdoria di Ferrero ha avanzato la proposta di 2 anni e mezzo di contratto con ingaggio da definire. Il Bari di Paparesta e soci invece farebbe letteralmente carte false per riportare fantAntonio nella sua Bari, cosa che chiuderebbe in maniera affascinante sia la carriera di Cassano, sia una bellissima storia di calcio italiano. Cassano nel frattempo rimane in meditabondo stand-by valutando il suo miglior imminente futuro.

(Foto by InfoPhoto)