Antonio Cassano torna alla Samp, finalmente. L’amarcord tra il barese e i blucerchiati, già ventilato più volte in passato, è ora a un passo dal concretizzarsi: poco dopo l’ora di pranzo c’è stato un incontro a Milano tra il presidente Massimo Ferrero, il ds Carlo Osti e Beppe Bozzo, procuratore di Cassano, al termine del quale è stato raggiunto un accordo di massima per il grande ritorno a Marassi. Com’è noto, Cassano è appiedato da qualche mese, da quando ha deciso di rescindere unilateralmente il contratto che lo legava al Parma, lasciando il club ducale al suo destino; già lo scorso gennaio c’era stato un avvicinamento con la Samp, che tuttavia aveva preferito puntare su Samuel Eto’o. Ora, invece, i percorsi potrebbero invertirsi. Il camerunese è in uscita da Genova e il suo slot verrà occupato proprio dal talento di Bari Vecchia. Che poi questo passaggio di consegne abbia un senso o meno, lo dirà il campo.

Ma il viaggio milanese del duo Ferrero-Osti non aveva il ritorno di Fantantonio come sua unica finalità. Beppe Bozzo è anche procuratore di Fernando, mediano brasiliano di proprietà dello Shaktar Donetsk che la Sampdoria vorrebbe portare in Italia. Con il club di Lucescu c’è già un’intesa di massima sulla base di 7-8 milioni di euro, ma resta da convincere il giocatore, che vorrebbe continuare a giocare la Champions League. In questo senso, perlomeno, il fatto che l’UEFA abbia confermato la presenza della Samp in Europa League potrebbe essere un punto a favore. Arrivato in Ucraina nell’estate di due anni fa proveniente dal Gremio, per 10 milioni di euro, Fernando è un centrocampista centrale dotato di grande forza fisica e aggressività, in passato cercato anche dal Napoli. Rappresenterebbe un rimpiazzo di lusso di Pedro Obiang, ceduto qualche giorno fa agli inglesi del West Ham.