Tornato a giocare nella sua Sampdoria, per Antonio Cassano è tempo ora di solcare nuovi lidi. Tante le possibili piste, alcune davvero percorribili, altre confinate al fantamercato.

IL SASSUOLO TERGIVERSA

Ultimo indizio del suo addio l’assenza allo stadio Rosaleda di Malaga per l’amichevole della Samp. Motivo ufficiale una gastroenterite, anche se nessuno ci crede. Poco probabile che il barese abbia in mente il Sassuolo. Impegnato a sostituire l’emigrato Sansone – partito alla volta di Villareal – Squinzi starebbe puntando Quagliarella, ammesso il passaggio dei preliminari di Europa League con la Stella Rossa. Colpi di scena non sono tuttavia esclusi e il procuratore Bozzo sta lavorando in questo senso.

PAZZA IDEA VIRTUS ENTELLA

I rapporti tra Ferrero e Cassano non paiono idilliaci e le chance di permanenza dovrebbero essersi ridotte ulteriormente con l’arrivo sulla panchina di Giampaolo. Il divorzio potrebbe quindi essere la soluzione più facile per accontentare le parti. Un’altra possibilità da non escludere è il Virtus Entella. Militante in Serie B, il club consentirebbe a FantAntonio di rimanere in Liguria. A lasciarlo intendere lo stesso ex Roma e Real Madrid prima della partenza della Sampdoria per la mini-tournée in Spagna.

NESSUNA AVANCE FRIULANA

Definitivamente scartata un’altra opzione, quella che vorrebbe l’approdo dell’attaccante in terra friulana. Recentemente diffusa infatti l’ipotesi secondo cui tra le pretendenti ci sarebbe pure l’Udinese, poco convinta di Thereau e Zapata. Una voce che ha fatto il giro del web, senza però trovare fondamento. Il ds bianconero Nereo Bonato ha messo fine alle chiacchiere: “Non abbiamo mai pensato a Cassano”. 700milioni a stagione le cifre del suo attuale ingaggio, la prossima scelta verrà probabilmente influenzata da ragioni personale più che economiche. Mentre il Sassuolo gli permetterebbe di risiedere vicino Parma, là dove ha conservato delle amicizie, l’Entella significherebbe rimanere in Riviera. Altre realtà potrebbero farsi sotto a breve.