Prosegue senza sosta il caso Chiellini (foto by Infophoto). I fatti: il giocatore era in ritiro con la Nazionale italiana quando è stato colpito da un problema al soleo della gamba sinistra che gli ha impedito di disputare la vittoriosa sfida amichevole contro l’Olanda e che non gli consente neppure di scendere in campo domani a Oslo con la Norvegia nella sfida di apertura alle qualificazioni a Euro 2016. Pare che in un primo momento la Juventus avesse dato il suo assenso al giocatore per restare in ritiro con gli azzurri, poi abbia modificato il suo parere e il difensore sia dovuto rientrare a Torino. Esiste anche una versione per la quale i bianconeri non avrebbero dato al calciatore alcuna certezza sul fatto che sarebbe potuto restare con il gruppo di Conte. In ogni caso la scelta della Vecchia Signora non è stata gradita dallo staff del c.t. salentino. Il team manager azzurro Oriali ha manifestato il suo disappunto. Inoltre ha posto il dubbio sul fatto che la Juve avrebbe adottato tale decisione per fare dispetto al suo ex tecnico. I bianconeri hanno risposto con una nota ufficiale affermando che avrebbero garantito collaborazione alla nazionale e definendo ‘allusive‘ le parole di Oriali.

Oggi con un comunicato apparso sul sito ufficiale della Juventus, la società ha confermato l’edema al soleo della gamba sinistra del difensore.

Ecco il comunicato

Giorgio Chiellini è stato sottoposto a esami diagnostici che hanno confermato la presenza di un edema intrafibrillare del soleo. Il numero tre bianconero proseguirà nel suo programma riabilitativo e verrà sottoposto a nuovi controlli nei prossimi giorni

Sul rientro anticipato del difensore a Torino è voluto intervenire anche il nuovo commissario tecnico della Nazionale, Antonio Conte, che ha parlato nella conferenza stampa pre partita della sfida contro la Norvegia: ‘è capitato questo episodio e ci servirà come esperienza per la prossima volta per gestire meglio la situazione. Io sono qui per unire e non per dividere. Ci sono stati dei fraintendimenti ma ora Giorgio è tornato dalla sua società e non avrebbe neanche giocato. Difficile collaborare con la Juve? Sono qui per unire. Da parte mia ci sarà sempre un passo in avanti nei confronti delle società e degli allenatori perché ci deve essere uno spirito di collaborazione se vogliamo riportare l’Italia ai livelli che merita. Siamo tutti insieme sulla stessa barca e ci deve essere rispetto reciproco e disponibilità, poi ci possono essere degli episodi che hanno portato a degli equivoci. La Juve ha fatto un comunicato, ma non ci saranno problemi’. Bonucci, invece, dichiara ‘A Giorgio avrebbe fatto piacere restare qui con noi, conosciamo tutti com’è fatto e come vive il suo lavoro. Però la Juve aveva bisogno di capire le sue condizioni in vista di una serie di partite ravvicinate. Gli avrebbe fatto piacere, ma deve sottostare a quanto decide la società. Non che la Juve voglia imporre il proprio potere, ma ha questa necessità’.

Dopo le parole del presidente federale Tavecchio secondo il quale non esiste alcun problema con la Juventus, anche il c.t., quindi, ha manifestato l’intenzione di chiudere la questione. La speranza è che al più presto la situazione si sistemi serenamente  in modo tale che il nuovo ciclo dell’Italia targata Antonio Conte possa proseguire la sua strada senza scaramucce verbali o altre complicate questioni.

Nel frattempo, dalle loro nazionali, sono rientrati a Torino anche i francesi Evra, Pogba e il cileno Vidal.

LEGGI ANCHE:

Calendario Juventus: continua il caso Chiellini, Pirlo-Italia “Ci sono”, torna Vidal

Arrestati i rapitori del padre di Tevez

Giocatore chiama figlio Pirlo: lo strano omaggio di Kayal