Definito finalmente il calendario del nuovo campionato di Serie A edizione 2015-2016 con partenza prevista nel weekend del 22 e 23 agosto, con almeno una settimana d’anticipo dunque per far spazio agli Europei di Francia di giugno e luglio 2016. Interessante seguire il percorso dei Campioni d’Italia della Juventus dopo il 4° titolo consecutivo, loro che saranno la squadra da battere e che saranno chiamati al sempre più difficile compito di difesa del titolo per questa nuova stagione che ha già evidenziato rafforzamenti da parte della concorrenza.

1a giornata Juventus – Udinese
2a giornata Roma – Juventus
3a giornata Juventus – Chievo
4a giornata Genoa – Juventus
5a giornata Juventus – Frosinone
6a giornata Napoli – Juventus
7a giornata Juventus – Bologna
8a giornata Inter – Juventus
9a giornata Juventus – Atalanta
10a giornata Sassuolo – Juventus
11a giornata Juventus – Torino
12a giornata Empoli – Juventus 
13a giornata Juventus – Milan
14a giornata Palermo – Juventus
15a giornata Lazio – Juventus  
16a giornata Juventus – Fiorentina
17a giornata Carpi – Juventus 
18a giornata Juventus – Verona
19a giornata Sampdoria – Juventus

Potrà suonare come una banalità ma importantissima è la prima giornata. La Juventus deve subito trovare i tre punti contro l’Udinese perché già alla seconda giornata c’è il big match con la Roma all’Olimpico. Perdere alla prima giornata potrebbe voler dire ritrovarsi già a – 6 dopo solo due giornate in caso di vittoria giallorossa alla seconda. la Juventus non perde la prima partita dalla stagione 2010-2011 con Del Neri in panchina, la Juventus quadriscudettata ha sempre vinto.

Dopo la seconda giornata i pericoli giungono alla sesta, col Napoli di Sarri. Partita importante per testare un’incognita del campionato che però avrà già alle spalle cinque partite in cui avrà affrontato Lazio e Sampdoria. All’otttava c’è l’Inter al Meazza dove si comincerà a capire se i nerazzurri avranno oppure no colmato il gap con i rivali bianconeri.

All’undicesima c’è il derby della mole contro il quale nella scorsa stagione la Juventus ha avuto non poche difficoltà, vincendo all’andata grazie a un gol di Pirlo allo scadere e perdendo al ritorno dopo una grande partita d’orgoglio dei granata. Quest’anno poi il Torino, a differenza della scorsa stagione, non gioca l’Europa League e questo può essere un fattore importante per la condizione psico-fisica.

Alla 13a giornata c’è il nuovo Milan di Mihajlovic. Anche questo è un varco importante perché ci si avvicina alla metà del campionato e si comincia a capire in generale in che situazione di classifica ci si trova. I valori cominciano in sostanza ad avere un senso. Alla 15a c’è la Lazio, si gioca il 6 dicembre e questa non è una data trascurabile poiché iniziano le fasi calde della Champions League, sempre che la Lazio sia rimasta in corsa, ma anche a prescindere da questo è importante incontrare la Lazio in quel periodo, quando cioè conoscerà inevitabilmente un calo fisico pagando una preparazione anticipata in vista dei preliminari di Champions.

Ultime quattro giornate in discesa con l’unica difficoltà reale rappresentata dalla Fiorentina di Paulo Sousa, altra incognita – per ora – del campionato. Sequenza fondamentale più che altro al ritorno, quando la Juventus potrebbe avere la strada spianata per un eventuale rush finale. Tutto ovviamente da verificare.