In questa settimana, nella quale è stato dato spazio alle amichevoli delle nazionali, Conte ha cercato di preparare al meglio il prosieguo della stagione juventina.

Per gran parte del tempo il tecnico bianconero ha dovuto rinunciare alla presenza di dodici calciatori che sono stati convocati dai vari c.t.: Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Lichtsteiner, Vidal, Pogba, Pirlo, Marchisio, Asamoah e Osvaldo. Tutta la difesa e il centrocampo titolari. Tanti, veramente una marea di assenze. E’ complicato per un allenatore dovere lavorare con un gruppo così ristretto di giocatori, ma come si suol dire bisogna fare di necessità virtù. Conte ha potuto, invece,  disporre della presenza della coppia di attaccanti che sta facendo le fortune bianconere in questa serie A, Tevez e Llorente lasciati a Torino dalle loro nazionali. Roberto Baggio ha recentemente dichiarato in un intervista a Tuttosport ‘Tevez lo adroro. E’ così dai tempi in cui giocava nel Boca Juniors’.

Sono proseguite, quindi, a Vinovo le operazioni scudetto ed Europa League. Dopo la vittoria a San Siro contro il Milan domenica scorsa, il terzo sigillo consecutivo in serie A, quello storico, si avvicina sempre maggiormente, ma la rivale ormai più accreditata al titolo, la Roma, non molla. Fino che non sarà la matematica a rassicurare definitivamente la Vecchia Signora, Conte terrà i suoi sull’attenti e non consentirà loro alcuna distrazione perché potrebbe essere fatale.

Ecco l’elenco degli impegni della corsa scudetto

Juventus

Fiorentina (Juventus Stadium), Genoa (Ferraris di Genova), Catania (Massimino di Catania), Parma  (Juventus Stadium), Napoli (San Paolo di Napoli), Livorno (Juventus Stadium), Udinese  (Friuli di Udine), Bologna (Juventus Stadium), Sassuolo (Mapei Stadium di Reggio Emilia), Atalanta (Juventus Stadium), Roma (Olimpico di Roma), Cagliari (Juventus Stadium)

Roma

Napoli (San Paolo di Napoli), Udinese (Olimpico), Chievo (Bentegodi di Verona), Torino (Olimpico di Roma), Sassuolo (Mapei Stadium di Reggio Emilia), Cagliari (Sant’Elia di Cagliari), Atalanta (Olimpico), Fiorentina (Franchi di Firenze), Milan (Olimpico), Catania (Massimino di Catania), Juventus (Olimpico di Roma), Genoa (Ferraris di Genova)

Osservando i calendari balza subito all’occhio lo scontro diretto della penultima giornata. Bisognerà vedere se in quella data il campionato avrà decretato già il suo vincitore oppure le due squadre si daranno ancora battaglia. In quel caso la sfida avrebbe una valenza fondamentale e la Roma la giocherebbe tra le mura amiche, vantaggio di non poco conto. Entrambe le compagini devono affrontare la trasferta di Napoli, campo certamente non agevole e in cui i bianconeri non vincono da parecchi anni (si parla di pre calciopoli). Sia la Roma che la Juve dovranno affrontare in trasferta una squadra tosta come il Genoa e compagini che lottano per non retrocedere come Sassuolo e Catania e che, con ogni probabilità giocheranno con il coltello tra i denti. In sostanza il campionato è ancora lungo e le variabili sono parecchie.