La Juve continua a volare. I bianconeri superano il Parma grazie a due perle di Tevez che diventa capocannoniere solitario di serie A con 18 reti. Su questa vittoria non sono mancate le polemiche arbitrali per un rigore non concesso agli ospiti per un presunto fallo di Bonucci su Parolo. In realtà una foto riportata da Tuttosport dimostrerebbero che quell’azione avrebbe dovuto essere interrotta in precedenza per un intervento scorretto di Schelotto su Marchisio. In ogni caso i Campioni d’Italia rispondono alla Roma e si portano a 14 punti di vantaggio sui giallorossi che hanno una gara in meno. La Vecchia Signora ha collezionato la bellezza di 81 punti in 30 giornate. Un’enormità. Sono lanciatissimi verso il terzo scudetto consecutivo e i 100 punti. Magnifici. Una squadra superba, un gruppo fantastico, ricco di ottimi giocatori.

Uno di questi è l’Apache è sempre più decisivo. Dopo aver risolto il match di Catania, l’argentino decide di trascinare la Vecchia Signora anche contro il Parma. Questo calciatore è impressionante. E’ un attaccante favoloso. Uno dei più forti al mondo. E’ determinante sia in fase offensiva che difensiva. Segna a raffica, inventa assist geniali e si muove tantissimo andando a raccogliere la palla anche a chilometri di distanza dall’area di rigore. Non è altissimo e non è un fenomeno nel colpo di testa, ma ha una fisicità incredibile, lotta come un mastino ed è praticamente impossibile spostarlo. Come se non bastasse si applica con grande generosità anche in fase di non possesso. Insegue gli avversari come un doberman arrabbiato. Così facendo sprona anche i compagni che stimolati dal suo atteggiamento decidono di imitarlo. Un leader silenzioso. Un campione. Porta la maglia numero 10, pesantissima eredità di Del Piero e pare non sentirla. A conferma di questo un tweet di Tacchianrdi ex calciatore bianconero ‘Non c’è cosa più bella da juventino nel vedere un giocatore come Carlitos indossare con questo spirito e questa qualità la 10 di Ale Del Piero’ . Per le sue capacità e per la sua dedizione alla causa bianconera è amato dai tifosi. In questa stagione non ha mai accennato una polemica, un mugugno. Super anche fuori dal campo, dove esce il suo lato più umano. Padre per la terza volta ammette che il piccolo Lito non lo lascia dormire, ma posta una foto nella quale lo bacia teneramente e scrive ‘ti amo figlio‘. L’unica pecca di questa straordinaria stagione è l’astinenza da gol europea lunga ormai 5 anni, che tanto stride con le sue eccezionali doti. Il suo c.t. avrebbe deciso di non convocarlo per il Mondiale in Brasile. Pazzesco. E’ una storia incredibile, al limite dell’inverosimile.

Non è dello stesso avviso di Sabella, l’allenatore bianconero Conte. Per il tecnico salentino, che lo sta valorizzando al meglio facendolo sentire al centro del progetto,  Tevez giocherebbe anche con una sola gamba. Troppo importante, troppo decisivo, ma squalificato salterà la supersfida di campionato di domenica contro il Napoli. Conte troverà la soluzione migliore per sostituirlo. Il condottiero è particolarmente abile e astuto. Sicuramente risolverà al meglio anche questo problema. Il tecnico è l’idolo dei tifosi. Colui che ha raccolto la Vecchia Signora dopo due settimi posti consecutivi in campionato e l’ha trascinata a diventare la dominatrice indiscussa della serie A trasmettendo ai giocatori un’insaziabile fame di vittorie. Emblematica la dichiarazione rilasciata scherzosamente, ma non troppo, ieri sera ai microfoni Sky ‘fosse per me vincerei anche i tornei di briscola‘. Ora gli manca il salto di qualità europeo, ma a piccoli passi ci si può arrivare. Sarebbe già importante ottenere ottimi risultati in Europa League che oltre a essere un trofeo prestigioso consente di fare esperienza.

Proprio in vista della costruzione di un grande futuro oltre confine proseguono le idee per le manovre del calciomercato bianconero. Dopo le varie idee Sanchez, Mandzukiv, Menez, Van Persie spuntano anche altri nomi. Secondo il Daily Mirror, Christian Benteke, attaccante 23enne dell’Aston Villa (contratto fino al 2017) potrebbe lasciare il club a fine stagione. Su di lui convergono gli interessi di Arsenal, Totthenam e Milan, ma anche la Juve lo sta tenendo sotto osservazione. Inoltre il Chelsea parrebbe interessato a Pogba, mentre ai Campioni d’Italia piace Oscar, giocatore brasiliano proprio in forza ai Blues.

le pagelle di Juve-Parma