L’aritmetica non consegna ancora il terzo storico scudetto consecutivo alla Juventus, ma la rimonta della Roma pare davvero complicata.

A sei giornata dal termine del campionato  i bianconeri hanno un vantaggio di 8 punti sui giallorossi che ieri sono stati duramente colpiti dalla sfortuna e dal Giudice Sportivo. Medhi Benatia starà fuori circa un mese a causa di un problema muscolare e Mattia Destro salterà 4 turni per la squalifica ricevuta. Facendo gli appositi calcoli si può notare come i bianconeri conquisterebbero lo scudetto anche con due sconfitte e un pareggio da qui al termine della serie A. Difficile che una squadra che ha perso solo 2 volte in tutto l’arco del campionato possa andare incontro ad altrettante batoste in 6 turni. Le speranze della truppa di Garcia si riducono ulteriormente se si pensa che nella nostra massima categoria la Juventus targata Conte ha perso solo 7 volte su 108 sfide.

La Vecchia Signora potrebbe arrivare allo scontro diretto dell’Olimpico con lo scudetto già in tasca. Sarebbe importante in quanto, in netto contrasto con i risultati del resto del campionato, con il tecnico salentino i bianconeri hanno sempre faticato contro i giallorossi nell’impianto capitolino. Non è assolutamente detto che la trasferta romana sia ancora avara di soddisfazioni ma, onde evitare sgradevoli inconvenienti, meglio arrivarci con importanti certezze. Il capitano Gigi Buffon (foto by infophoto) pare sottoscrivere il concetto ‘mi auguro che prima delle semifinali di Europa League la Juventus abbia già assaporato la gioia dello scudetto’ e prosegue ‘la Roma crede ancora nella rimonta credo che occorra fare molta attenzione perchè perdere lo scudetto sarebbe uno smacco maggiore rispetto alla gioia di vincere la coppa‘.

Contestualmente alla serie A, infatti, i Campioni d’Italia sono impegnati anche sul fronte Europa League. Sono l’unica compagine italiana rimasta in corsa in una manifestazione internazionale e sarebbe importante che la riuscissero a conquistare. L’ultima squadra del Nostro Paese  che ha vinto oltreconfine è stata l’Inter nella la Champions 2009/2010. L’idea di strappare ai nerazzurri questo primato è alquanto allettante. Domani  sera  i bianconeri sfideranno l’Olympique Lione allo Stadium nella gara di ritorno dei quarti di finale. Una settimana fa, nel turno di andata, la Juve ha sbrigato la pratica con un 1-0 che fornisce sicurezza in vista del match di domani. Come sostenuto anche da Giuseppe Marotta e Buffon (il capitano afferma ‘c’è da prendere il Lione con le pinze’), tuttavia, le precauzioni non sono mai abbastanza. Così come nel campionato, anche in coppa è necessario tenere sempre le antenne diritte.

I bianconeri continuano anche a pensare al calciomercato. Il presidente del Psg, Nasser Al-Khelaifi, dopo l’eliminazione della sua squadra dalla Champions afferma riguardo a Pogbanon ne abbiamo parlato siamo concentrati su campionato e coppa di Francia’. Nella prossima sessione si dovrà decidere il futuro di Immobile, attaccante capocannoniere del campionato insieme a Tevez, in comproprietà tra la Juventus e il Torino e che attualmente veste la maglia granata. Pare che la società di Corso Galileo Ferraris sia intenzionata a cedere definitivamente il giocatore. Cairo vorrebbe acquistare anche l’altra metà del cartellino, ma senza spendere cifre troppo elevate. Nella trattativa potrebbe essere inserito Cerci, ma il rischio è che si vada alle buste. Sul numero 9 del Toro pare avere puntato i suoi fari anche il Borussia Dortmund che perderà Lewandowski direzione Bayern Monaco. I campioni d’Italia continuano poi a seguire Baselli, centrocampista centrale dell’Atalanta, classe 1992. Per quanto riguarda il capitolo giovani si fa anche il nome di Frey, attaccante svizzero, classe 1994, dello Young Boys.

curiosità interessante su Alex Del Piero