Oggi è giornata di dichiarazioni per i giocatori della Juventus. Hanno infatti espresso concetti molto interessanti, sia Leonardo Bonucci che Carlitos Tevez.

Il difensore bianconero ha parlato in videochat con i tifosi. Il numero 19, lasciato a riposo nella sfida contro l’Udinese, è riuscito nell’impresa di farsi ammonire dalla panchina. Era diffidato e salterà la partita di dopodomani con il Bologna. Bonucci si proietta già sull’Europa League che, per la Juve, riprenderà giovedì prossimo con la gara di andata della semifinale di contro il Benfica a Lisbona ‘ho sensazioni sicuramente positive, ci giochiamo il passaggio a una finale, una finale che si gioca in casa, quindi è giusto mettere in campo tutto quanto, tutto quello che avremo sia a Lisbona che in casa, perché è un obiettivo stagionale e vogliamo alzare la Coppa‘. Nei confronti di un eventuale trionfo internazionale dichiara ‘sicuramente sarebbe importante perché oltre a riportare la Juventus nei piani alti dell’Europa, darebbe a noi giocatori un’esperienza internazionale importante, anche in vista di un Mondiale che vuole vedere l’Italia protagonista’. Quando gli viene chiesto un giudizio sulla stagione bianconera è perentorio ‘7,5, perché comunque quello che ci siamo mangiati in Champions League è soltanto colpa nostra’. Per quanto riguarda il capitolo attaccanti afferma ‘in questi ultimi anni, sicuramente quello che mi ha messo più in difficoltà è stato Milito perché è un attaccante completo, sa attaccare gli spazi, fare sponde, le giocate aeree, è forte e poi è difficile da spostare’. Parla anche dei suoi compagni di squadra Tevez e Llorente che sono veri e propri protagonisti di questa stagione bianconera ‘hanno dato tanto non solo sul campo, ma anche nello spogliatoio. Carlitos è un leader vero e ha dato tanto, dà una carica impressionante soprattutto prima delle partite e poi sul campo quando lo vedi rincorrere un difensore che gli ha appena rubato palla’.

Proprio l’Apache è l’altro protagonista della giornata bianconera e, in esclusiva a Sky Sport 24, tranquillizza tutti i tifosi della Vecchia Signora ‘sto bene ho un po’ recuperato e questo è l’importante; adesso bisogna pensare alla partita di sabato‘.  Sul prosieguo della stagione afferma ‘siamo la Juventus e in qualsiasi competizione in cui giochiamo dobbiamo lottare. La verità è che siamo felici di affrontare le due competizioni’. Manifesta grande umiltà quando gli viene domandato se si senta davvero importante per la sua squadra ‘io credo che la squadra è fondamentale qui, non solamente un giocatore. È la squadra che è più forte di un giocatore, questo lo dimostra ogni partita‘. Interessantissime le dichiarazioni rilasciate sul suo attuale tecnico Conte per il quale manifesta una profonda stima ‘un top di allenatore, lo dimostra in ogni partita, in ogni competizione che la Juve sta giocando. Io credo sia già un top top allenatore‘. Al suo arrivo in bianconero qualcuno dubitava di possibili contrasti tra due caratteri assolutamente forti come quello dell’argentino e quello del tecnico pugliese. In realtà tra i due è stato amore a prima vista e mai c’è stata la minima tensione. In questo momento, in cui si parla tanto del rinnovo del contratto dell’allenatore bianconero che scadrà nel 2015, giunge un’altra manifestazione di apprezzamento nei suoi confronti. Ora i Campioni d’Italia devono rimanere concentrati su campionato ed Europa League, ma il pensiero del futuro di Conte non è da sottovalutare.

Intanto c’è un’interessante novità per il J-Mueseum. Da domani fino al 27 luglio saranno in esposizione le opere di quattro artisti che hanno l’intento di narrare le emozioni e le suggestioni che scaturiscono dall’esperienza calcistica e sportiva. Il titolo della mostra è Invasione di campo. L’arte entra in gioco’