Mancano solo 3 giornate alla fine del Campionato e la lotta per la qualificazione alla prossima Europa League è ancora apertissima: l’unica sicura del posto è la Fiorentina che, oltre ad essere quarta in classifica, disputerà Sabato prossimo la finale di Coppa Italia contro il Napoli. Dietro ai “viola” c’è l’Inter che con il pareggio nell’ultima giornata proprio contro il Napoli (leggi qui la cronaca del match), ha ottenuto un punto preziosissimo che aumenta notevolmente le possibilità della Beneamata di raggiungere l’obiettivo Europa.

I nerazzurri, in questo finale di stagione, sono attesi da 3 partite non facili contro Milan, Lazio e Chievo. La condizione degli uomini di Mazzarri però è molto buona ed i 5 punti di vantaggio su Torino, Lazio e Verona (seste in classifica) permette alla squadra nerazzurra di poter preparare nel migliore dei modi i prossimi impegni. La prima partita sarà contro il Milan, squadra con un bisogno disperato di punti dopo la sconfitta nel turno scorso contro la Roma (leggi qui la cronaca della partita). Il “Derby” è una partita che sfugge ad ogni possibilità di pronostico e la rivalità cittadina tra le due squadre prevale sulla logica dei 3 punti.

A prescindere dal risultato della stracittadina milanese i nerazzurri avranno un altro spareggio per l’Europa alla penultima giornata dove riceveranno a Milano la Lazio. I biancocelesti vivono un buon momento di forma ma la squadra di Mazzarri (foto by Infophoto) potrà contare sul fattore campo. Infine alla 38° giornata ci sarà la trasferta di Verona contro il Chievo: partita che potrebbe essere più agevole del previsto nel caso in cui i clivensi dovessero essere già matematicamente salvi.

Il calendario dei nerazzurri appare non certo facile ma la squadra di Mazzarri (leggi qui le sue parole sulla corsa per l’Europa) sembra possa affrontare questo tipo di difficoltà. La classifica poi permette ai nerazzurri di non dover guardare le altre squadre ma di potersi concentrare esclusivamente sui propri risultati. Obiettivo Europa League ad un passo, ora tocca all’allenatore ed ai giocatori in campo conquistare quei punti necessari per raggiungere il pass europeo tanto desiderato.