La Sampdoria è pronta a cedere il suo gioiello Patrik Schick, ma il club blucerchiato non svenderà di certo l’attaccante classe 1996, forse il prospetto più interessante messosi in mostra nella Serie A 2016/2017.

Schick è cpnteso da tre, forse quattro big: su di lui ci sono senz’altro Juventus, Milan e Napoli. Defilata, ma non troppo, ci sarebbe anche l’Inter desiderosa di cambiare look dopo l’ennesimo campionato deludente.

Il club blucerchiato è al lavoro per aumentare la clausola rescissoria, da 25 a 42 milioni di euro, e contestualmente allungare il contratto del calciatore fino al 2022. Insomma, chi vorrà avere il talento ceco dovrà per forza di cose ricorrere a non poco denaro.

Intanto, la Sampdoria ha salutato l’ultima prodezza di Schick, il gol al Crotone, scomodando niente di poco meno che, paragoni con una delle colonne del clacio olandese del passato, Dennis Bergkamp. A molti, infatti, la rete del ceco ha ricordato il gioiello messo a segno dall’ex Arsenal al Newcastle.

Patrik Schick è nato a Praga il 24 gennaio 1996. Cresciuto nello Sparta Praga, ha esordito in prima squadra nella stagione 2014/2015 collezionando 4 presenze. Nel 2015/2016 il passaggio in prestito al Bohemians 1905, con 27 presenze e 7 gol che convincono la Samp a rilevarne il cartellino per 4 milioni di euro. In serie A 27 presenze e 10 gol. In nazionale maggiore ha già messo insieme 3 presenze, bagnate dal primo e sin qui unico gol.