La Roma starebbe seriamente pensando a sostituire il tecnico, il francese Rudi Garcia, con l’arrivo sulla panchina giallorossa di uno tra Luciano Spalletti, Walter Mazzarri e Fabio Capello.

Per ora si tratta solo di speculazioni, sta di fatto che il 6-1 incassato a Barcellona nell’ultima gara di Champions League non è proprio andato giù né al direttore sportivo, Walter Sabatini, né tantomeno al padre padrone della Roma, quel James Pallotta che finora ha difeso l’operato del tecnico transalpino ma che ora, pare, si sia seriamente stufato d’avere in mano una squadra che non riesce mai a fare il salto in alto.

Dirigenti delusi e amareggiati, tifosi arrabbiati. Tutti sperano che Garcia possa risolvere i problemi per poter fare una stagione di vertice, ma è chiaro che la situazione è molto delicata.

Per di più negli ultimi giorni è balenata anche l’idea di un avvicendamento in panchina, con tre pretendenti di prestigio alla panchina che attualmente è occupata dal tecnico transalpino: il primo è Luciano Spalletti, ovvero l’ultimo allenatore che è riuscito a vincere con la squadra giallorossa: in bacheca il mister toscano portò due Coppe Italia e una Supercoppa italiana.

E poi ci sarebbe anche Walter Mazzarri, fermo da un anno, anche se la sua sembra più un’autocandidatura che altro. Infine Fabio Capello, ovvero l’uomo dell’ultimo scudetto della Roma nel 2001. Il suo nome è una garanzia, ma servono ovviamente investimenti corposi sul calciomercato.

Rudi Garcia è nato a Nemours, in Franca, il 20 febbraio 1964. In carriera ha guidato Corbeil-Essonnes, Saint-Etienne, Digione, Lilla e, dal 2013, la Roma. Nella sua personale bacheca di trionfi ci sono solo una Ligue 1 (Lilla: 2010-2011) e una Coppa di Francia (Lilla: 2010-2011), mentre con i giallorossi sono arrivati solo due secondi posti.