Il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, ha parlato del calciomercato della sua squadra confermando Nainggolan e ribadendo che vorrebbe in squadra Borja Valero. A margine di un evento al Pitti di Firenze, dove è stata presentata la sua linea “Acquasparta”, il tecnico toscano ha parlato di tutto e di tutti: Pjanic, Borja Valero, Nainggolan, Witsel, Nacho, Digne, Dzeko, De Sanctis, Szczesny, Mario Rui e chi più ne ha più ne metta.

Si parte da Pjanic: “Quando si inseriscono delle scritture in un contratto e poi vengono impugnate di che cosa parliamo? Oramai è un calcio aperto e ognuno può agire come più gli conviene. Pjanic era un giocatore importante per noi e ora lo sarà anche per la Juve. Ma è davvero un ragazzo eccezionale, è inutile andare a criticare la persona. Va via un grande giocatore ma noi ne abbiamo un altro come Strootman”.

Poi Nainggolan: “Mi ha promesso che resta, gli piace continuare a giocare lì dove l’ho messo. La difesa? Nacho ci piace, lo stiamo seguendo. Mario Rui è un buon innesto, proseguirà il lavoro fatto da Digne. Stiamo cercando di tenere Szczesny e De Sanctis probabilmente resterà con noi. Poi c’è Alisson, siamo tranquilli. Dobbiamo trovare a destra un’alternativa a Florenzi”.

Su Borja Valero: “Mi piace moltissimo. Potrebbe giocare sia a Roma che al Bayern Monaco o al Chelsea, ma la Fiorentina non lo vuole far partire. Mi sembra un’operazione impossibile per noi. Witsel è un calciatore di livello ma costa tanti soldi”.

Poi su Dzeko: “Noi ci punteremo anche l’anno prossimo, ha delle qualità che ancora non è riuscito ad esprimere. Ci sta a cuore, vogliamo testare il suo potenziale che aveva fatto vedere prima di venire alla Roma. Siamo contenti di averlo nella nostra squadra, non l’ho fatto giocare a volte perché ho anche altri giocatori, ma ha fatto il suo aiutandoci a conquistare la posizione in campionato. Ljajic? Per ora è della Roma, la sua situazione andrà valutata”.