Gran brutte notizie giungono dalla Germania anzi, precisamente dalla Svizzera, dal ritiro di Ascona della nazionale tedesca in vista degli Europei dove, durante una partitella 9 contro 9, Toni Rüdiger si è infortunato in uno scontro fortuito con Thomas Müller. Lo staff medico della Mannschaft si è già pronunciato a riguardo e il referto è tutt’altro che rassicurante visto che si parla di una lesione al crociato anteriore destro e, come noto, un tale infortunio tendineo implica uno stop che prevede lunghi tempi di recupero.

La Roma dal canto suo non si è invece sbilanciata e attende un approfondimento diagnostico più attendibile, magari alla luce di un esame eseguito dal proprio staff di professionisti. La federazione tedesca però ha già annunciato ieri in serata che Rüdiger non farà parte della spedizione teutonica in Francia per l’Europeo, mentre si attendono comunicazioni da parte del c.t. Joachim Löw circa il difensore centrale che sostituirà lo sfortunato calciatore giallorosso.

Nazionale tedesca ed Europei a parte, la notizia dell’infortunio di Rüdiger, riscattato la settimana scorsa dalla Roma per 9,5 milioni di euro dallo Stoccarda al termine di una stagione molto importante e positiva in coppia con Manolas, per essere però ceduto a sua volta al Chelsea per 25 milioni, cambia di fatto gli scenari del mercato giallorosso visto che se la lesione al legamento viene confermata, Rüdiger potrebbe fermarsi per un lungo periodo e il club capitolino dovrebbe assicurarsi un altro centrale. In questi termini si sta già pensando a Martin Caceres, in uscita dalla Juventus. Operazione che potrebbe facilitare anche la cessione di Pjanic ai bianconeri dietro clausola, adesso che il difensore tedesco non è più vendibile a quelle cifre e che la Roma deve necessariamente trovare una doppia partita (per questioni di Fair Play Finanziario) per poter acquistare di nuovo.