Il presidente della Roma, James Pallotta, ha annunciato che il club giallorosso non venderà, nella prossima sessione di calciomercato, i due centrocampisti Radja Nainggolan e Miralem Pjanic. Che sia solo una tattica per far alzare il prezzo o la verità sarà solo il tempo a dirlo, per ora non possiamo fare altro che registrare queste dichiarazioni del presidente giallorosso, il quale ha di fatto ribadito la volontà del club capitolino di mantenersi ad alti livelli.

Le sue parole sono arrivate direttamente dagli Stati Uniti dopo la vittoria contro il Chievo. Su Radja Nainggolan c’è il forte l’interessamento del Chelsea di Antonio Conte, pronto ad offrire 30 milioni di euro per avere il centrocampista belga. Per il bosniaco, invece, si sono mosse Real Madrid e Bayern Monaco: se la Roma deciderà di tenerlo, sicuramente dovrà rinnovargli il contratto con un cospicuo adeguamento del salario.

Pjanic e Nainggolan ho già detto che non li venderemo, li voglio vedere ancora con la maglia della Roma – ha affermato James Pallotta – la partita? È stata una bella vittoria e una gara molto buona sotto il profilo della solidità difensiva, con Rüdiger assolutamente migliore in campo. Ma, soprattutto, è stato finalmente bello rivedere così tanta gente allo stadio”.

Radja Nainggolan e Miralem Pjanic guadagnai 3,2 milioni di euro all’anno. Il primo ha un contratto in scadenza nel 2020, il secondo nel 2018. Per rispondere agli assalti dei grandi club stranieri, la Roma dovrà proporre loro, per convincerli a rimanere, un adeguamento del contratto, magari andando a pareggiare quello dei top player di squadra: difficile che si possa arrivare ai 6,5 milioni di euro che prende Daniele De Rossi (il cui contratto scadrà nel 2017), ma ipotizzare che i due centrocampisti possano raggiungere le cifre di Edin Dzeko (4,5 milioni di euro all’anno fino al 2020) o Mohamed Salah (3,5 fino al 2019) non appare così impossibile.