Dopo tanti rumors è arrivata l’ufficialità, Osvaldo è il nuovo attaccante del Southampton. Il club inglese nei giorni scorsi aveva lanciato un ultimatum alla Roma, 15 milioni più due di bonus per avere l’italo-argentino entro domenica, prendere o lasciare.  Sabatini si è preso tutto il tempo a sua disposizione, ha parlato con il giocatore e alla fine ha detto sì. Osvaldo ieri sera è volato  in Inghilterra, oggi è stato presentato alla stampa alla quale ha confidato tutta la sua frustrazione per l’ultimo anno vissuto nella capitale: “Mi è mancato moltissimo il rispetto negli ultimi anni. Una parte della tifoseria romana si è comportata molto male con me e con alcuni giocatori, senza alcun motivo. Ho dato tutto per la Roma. Ora sono qui, giocare in Premier è un sogno. Sono contento di ritrovare Pochettino, con lui all’Espanyol ho disputato le mie migliori stagioni da giocatore“.

Perso Osvaldo, la Roma si è messa alla caccia del sostituto. In rosa di sono ancora Totti, Destro e Borriello, ma per ragioni diverse nessuno dei tre può dare le giuste garanzie. Il capitano giallorosso ha una carta d’identità che dice 1976 come anno di nascita, l’ex enfant prodige del vivaio dell’Inter soffre ancora per un problema al ginocchio, l’attaccante napoletano non piace a Garcia. Sabatini sfoglia la margherita, sul mercato ci sono Matri, Gilardino, per cui in passato è stata intavolata una trattativa con il Genoa  che prevedeva il ritorno in rossoblù di Borriello, e sopratutto Abel Hernandez. L’attaccante uruguaiano non vuole giocare in serie B, ma costa tanto, almeno 12 milioni di euro. La Roma punta al prestito con diritto di riscatto, ora bisogna convincere Zamparini.