Divergenze riappianate tra la Roma e Kostas Manolas. Dopo un’estate turbolenta, il 26enne centrale greco è vicino al rinnovo, ma un nodo va ancora sciolto.

Quel no che pesò sul bilancio della Roma

Come riporta il Corriere dello Sport, le parti si son sentite telefonicamente, dopo una fitta rete di colloqui interni al club giallorosso. Ormai solo un pallido ricordo la scorsa primavera, quando Manolas rifiutò all’ultimo lo Zenit San Pietroburgo. Un colpo duro incassato dalla Roma: avrebbe incassato quasi 40 milioni (bonus inclusi) non avrebbe lasciato partire Rüdiger. Proposta economica allettante per lo stesso giocatore, che avrebbe raddoppiato il suo ingaggio, superiore ai 4 milioni netti l’anno.

Manolas-Roma: le cifre del rinnovo

In dirittura d’arrivo il prolungamento del contratto, in scadenza nel giugno 2019. Manolas la rinvierà di 3-4 stagioni e percepirà 2,5 milioni più bonus. Ancora irrisolto il nodo della clausola rescissoria, che non sarà inferiore ai 30 milioni. L’agente del difensore sbarcherà nella Capitale verso fine settembre per mettere nero su bianco ad un accordo felice per entrambe le parti: Manolas percepirà 700mila euro netti in più e la Roma non rischierà di ritrovarselo il prossimo giugno vicino alla scadenza.

Monchi: “Coperti per disputare le tre competizioni”

“Kostas rimarrà a lungo alla Roma” assicurava Monchi durante la tournée estiva corso della tournée negli Stati Uniti. “Manolas è della Roma e credo che sarà per molto tempo alla Roma. A me risulta sia contento di restare qui”. Il direttore sportivo è tornato sul mercato negli scorsi giorni: “”Abbiamo valutato tutte le possibilità e abbiamo constatato che con i cinque centrali presenti in rosa, Leandro Castan, Kostas Manolas, Juan Jesus, Federico Fazio e Hector Moreno, siamo coperti per disputare le tre competizioni. L’ho già detto in passato, la rosa è sempre migliorabile. Ma considerate le circostanze, le possibilità economiche e sportive e il numero di giocatori a nostra disposizione, abbiamo ritenuto di essere pronti per affrontare le tre competizioni.