Arrivano i primi botti del calciomercato Roma. Questa mattina Walter Sabatini ha concluso un doppio affare con Enrico Preziosi per il riscatto della seconda metà di Andrea Bertolacci, uno dei pezzi pregiati di questa sessione di mercato, e per l’acquisto a titolo definitivo dell’attaccante spagnolo Iago Falque: come riporta la Gazzetta dello Sport, il doppio colpo porterà nelle casse rossoblu un totale di 15 milioni di euro.

Calciomercato Roma

Presumibilmente, l’obiettivo vero della Roma era ed era sempre stato Andrea Bertolacci. Il centrocampista ha vissuto l’annata della consacrazione, chiudendo il campionato con 35 presenze condite da 6 gol, attirando su di sé le attenzioni non solo della casa madre, ma anche di grandi club italiani (Milan) ed europei (Atletico Madrid). Tuttavia, l’imput di Rudi Garcia era stato sin dall’inizio chiaro: Bertolacci andava riportato a Roma, per irrobustire un centrocampo già molto forte come quello giallorosso. L’ostacolo vero è stato sin dall’inizio il Milan, che aveva già strappato un accordo di massima con Preziosi sulla base di 6 milioni di euro per la metà genoana del giocatore, ma nelle ultime, vertiginose settimane le attenzioni concupiscenti di Adriano Galliani sono state dirottate verso obiettivi più magniloquenti, come Jackson Martinez, Ibrahimovic e Kondogbia, e la Roma ha potuto approfittarne per piazzare la zampata vincente.

Con queste premesse, l’acquisto di Iago Falque assomiglia più che altro a un allegato necessario per far felice Preziosi arrivare al pesce grosso. Cresciuto nella pregiatissima cantera del Barcellona e portato in Italia dalla Juventus nel 2010, Iago ha faticato a mantenere le promesse di gioventù, girovagando senza grande costrutto tra Spagna e Inghilterra (solo una presenza in prima squadra, col Southampton, tra il 2010 e il 2012); poi, lo scorso anno, una buona stagione con il Rayo Vallecano ha convinto il Genoa a concedergli una nuova chance in Italia, e Iago ha risposto alla grande, firmando una stagione deluxe da 32 presenze e 13 gol in campionato. Buoni numeri, anzi ottimi, se riportati alla dimensione del Grifone. Forse non abbastanza per una squadra che vuole ricucire lo strappo dalla Juventus quadricampione d’Italia e vicecampione d’Europa in carica.