Il calciomercato ha virato negli ultimi giorni l’attenzione dei media su Mohamed Salah, ma più per questioni estrinseche a quelle concernenti il mercato vero e proprio ma l’altro giocatore in ballo col Chelsea, Juan Cuadrado, non se lo sono certo dimenticati Juventus e, ora, Roma che tenteranno forse l’impossibile per strapparlo al club di Abramovich. La situazione sul colombiano è invariata: tra il giocatore e Mourinho la scintilla non è scoccata e Cuadrado, arrivato a Stamford Bridge a gennaio non ha avuto grosse chance per convincere i Blues a concedergli lo spazio e il tempo che il suo indiscutibile talento richiederebbe. 12 fugaci presenze e zero gol sono il peggior biglietto da visita che Cuadrado potesse presentare allo Special One che di fronte a un’offerta ritenuta congrua potrebbe decidere di cederlo.

Chiaro che un investimento di 32 milioni di euro non lo si liquida a cuor leggero e occorrerà avanzare un’offerta parametrabile al prezzo d’acquisto per vederlo fare di nuovo le valigie. Registrato il dietrofront dell’Inter che preferisce concentrarsi su altri obiettivi (Jovetic, Perisic, Salah), la Juventus è la società che al momento sembrerebbe essere i vantaggio sulla concorrenza avendo già preso contatti con l’entourage di Abramovich e potendo contare su eventuali contropartite tecniche. L’inserimento della Roma non è un fulmine a ciel sereno poiché il club giallorosso insegue Cuadrado da diversi anni, inoltre Walter Sabatini ha necessità di risolvere la sua situazione in attacco centrando uno o due grossi colpi poiché per ora è rimasta ferma a Iago Falque.

Edin Dzeko è sicuramente il pensiero dominante nella mente del direttore sportivo del club della capitale ma non è escluso che la Roma possa fiondarsi su un giocatore delle qualità e del valore del colombiano. Naturalmente dovrà anche risolvere i problemi di traffico derivati da una rosa sovrabbondante prima di pensare di investire almeno 30 milioni su Cuadrado. Anche se la formula dovrebbe essere quella ormai in gran voga del prestito con diritto/obbligo di riscatto. Altro scoglio oltre a quello del club londinese è rappresentato dall’ingaggio piuttosto alto del giocatore sul quale ci sarà da trattare a lungo col suo procuratore Alessandro Lucci.