È finita presto la diaspora britannica di due eroi del Triplete: nel giro di 12 mesi, sia Julio Cesar che Maicon (foto by InfoPhoto) si sono lasciati alle spalle un’avventura negativa nella perfida Albione e hanno fatto ritorno a casa, nel campionato italiano, anche se un po’ più a sud di Milano. E se l’arrivo di Julio Cesar si inquadra in un progetto dichiaratamente ambizioso come quello del Napoli, quello di Maicon alla Roma è utile soprattutto come valvola di sfogo.

Al suo arrivo a Fiumicino, questa mattina poco prima delle 7, il Colosso è stato accolto da qualche tifoso giallorosso festante, con tanto di fotografie, autografi e classico rito della posa della nuova sciarpa. Sorride, Maicon, desideroso di dimenticare al più presto un’annata deludente al City, e sorride anche la tifoseria giallorossa. Dopo giorni di contestazione furente e preventiva nei confronti di una società giudicata incompetente e di una squadra considerata senza spina dorsale (eufemismo), l’approdo del campione brasiliano sembra aver riportato un minimo di serenità in casa giallorossa. Fino a quando, non è dato sapersi.