Higuain resterà al Napoli. Tanto, almeno, si apprende dalle parole rilasciate dal padre di Gonzalo, Jorge (che da calciatore era soprannominato ‘El Pipa’, da qui il nomignolo affibiato al figlio) a El Crack Deportivo.

Calciomercato Napoli, Higuain resta

“Su Gonzalo ci sono diversi club europei. E’ vero. Ma ha tre anni di contratto con il Napoli ed intende rispettarli”, ha dichiarato Jorge, che è ache uno dei rappresentanti dell’attaccante argentino.

Non credo che andrà via da lì” l’opinione di Higuain senior. Gonzalo nei giorni scorsi ha dichiarato di essere ben disposto a restare al Napoli, ma in cambio vuole da De Laurentiis una squadra più competitiva, in grado di competere su ogni fronte.

Le parole di Jorge Higuain ricalcano un po’ quelle spese via twitter dal fratello di Gonzalo, Nicola. E’ di qualche settimana fa il cinguettio in cui scrisse che El Pipita sarebbe rimasto ancora azzurro.

La delusione per l’eliminazione dall’Europa League, ad un passo dalla finale di Varsavia, non è stata smaltita. El Pipita, però, vorrebbe lasciare qualche altro trofeo nella bacheca azzurra prima di partire per altri lidi.

Ecco perché ha chiesto al suo presidente uno sforzo economico per costruire un grande Napoli. Molto, se non tutto, dipenderà dalla qualificazione in Champions League. La squadra di Benitez con due vittorie è sicura del terzo posto, ma dovrà superare due scogli durissimi.

Una è la Juventus, sabato. I bianconeri hanno conquistato lo scudetto, sono freschi vincitori della coppa Italia della stella d’argento e si preparano alla finale di Champions League in programma a Berlino, ma senz’altro non disposti a regalare qualcosa, soprattutto ad un rivale storico (in tal senso chiedere referenze all’Inter, battuta a domicilio nonostante una squadra largamente rimaneggiata).

Il Napoli chiuderà in casa, ospitando al San Paolo la Lazio, per quello che potrebbe rivelarsi uno scontro diretto per la conquista del terzo posto che vale i preliminari di Champions League.

Jorge Higuain ha parlato anche dell’avventura mondiale del figlio Gonzalo. “Lui è molto dispiaciuto per il gol mancato nella finale contro la Germania. L’albiceleste però può essere orgogliosa per aver rappresentato benissimo il paese in Brasile”.

Tra gli argomenti dell’intervista, anche la lite con Mirante al termine di Parma-Napoli. “Sono cose che capitano. Non mi spiego però la multa. E’ una decisione assurda. Si tratta di un autentico furto. purtroppo nel calcio le decisioni vengono prese da persone che non hanno mai visto un pallone rimbalzare e stanno seduti ditero le scrivanie”.