Nei giorni scorsi si era profilata in Inghilterra l’ipotesi di un avvicinamento del Chelsea a Gonzalo Higuain, attaccante del Napoli. Se molti si mostravano ancora dubbiosi sulle parole di José Mourinho, tecnico della squadra inglese, il quale aveva esaltato le qualità del giocatore ma demarcato l’impossibilità al momento di intavolare una trattativa con il club partenopeo, ci pensano le manifestazioni di stima e profondo affetto del fuoriclasse azzurro nei confronti dei propri tifosi ad eliminare ogni incertezza. Al termine dell’allenamento a porte aperte svoltosi questa mattina al San Paolo (per approfondimenti sullo stadio clicca qui), il Pipita ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Kiss Kiss: ” Ringrazio i supporters partenopei per l’affetto che mi danno ogni giorno da quando sono qui. Per uno che ama il calcio, non si può chiedere di meglio che giocare a Napoli dove la gente vive il calcio”. Ma l’attaccante ex Real Madrid ha voluto anche soffermarsi sul mercato ammettendo che “a gennaio è difficile prendere giocatori, ma chi deve venire deve rinforzare in maniera concreta per dare una mano”.

Il mercato, già, una bella gatta da pelare per De Laurentiis che non potrà contare su alcune sue pedine ancora per un po’ di tempo. Oltre a Reina, Behrami (ne avevamo parlato qui) e a Zuniga, perdura l’assenza di Mesto che, dopo l’operazione al ginocchio, potrà tornare sul campo solo a fine marzo. Segnali positivi vengono dal centrocampista slovacco Marek Hamsik che, dopo l’infortunio, ha svolto al San Paolo allenamento in gruppo ed è apparso in completa ripresa (per lui ci sono speranze di convocazione già dalla prossima gara). Tuttavia  l’emergenza infortuni è alta e il presidente della squadra partenopea deve continuare a cercare rinforzi validi per poter disputare un buon campionato e lottare sulle prossime due competizioni che attendono il Napoli, ossia la Coppa Italia e l’Europa League.

Il reparto difensivo è quello che deve essere puntellato maggiormente. Dopo le recenti dichiarazioni rilasciate dall’agente del (ormai ex) capitano azzurro Paolo Cannavaro che vedono il proprio assistito sempre più lontano da Napoli, il club azzurro sembrava essere tentato da Nemanja Vidic, difensore centrale serbo, classe’81, del Manchester United in scadenza a giugno. La dirigenza partenopea potrebbe provare a prenderlo già nella sessione di mercato in corso ma, secondo quanto riportato da Il Mattino, l’ingaggio del giocatore (4 milioni a stagione) e i diritti d’immagine spingerebbero il Napoli a guardare altrove.

Criscito, difensore dello Zenit San Pietroburgo, resta nel mirino dei partenopei ma bisogna far fronte alle resistenze del club russo al quale De Laurentiis potrebbe proporre un prestito.

In questo momento, però, la situazione più spinosa è quella a centrocampo. La bagarre ‘Gonalons’ non sembra definitivamente conclusa (per approfondimenti clicca qui). Infatti Frederic Guerra, procuratore del centrocampista, ha affermato a Radio Crc: “Non credo che Aulas sia stato condizionato dalla tifoseria, Maxime voleva vestire l’azzurro ed era tutto fatto. Aulas ha detto ‘no’ ma l’ho visto cambiare idea tante volte, l’importante è che lui e De Laurentiis restino in contatto”. Dichiarazioni che lasciano la possibilità di una riapertura dei giochi.

Jucilei dell’Anzhi non convince, mentre Ever Banega, nazionale argentino dai piedi vellutati, è un obiettivo appetibile ma molto costoso (il giocatore guadagna circa 4,5 milioni a stagione e il Valencia chiede 20 milioni per il suo cartellino). Obiettivo più abbordabile è sicuramente Dani Parejo, partner di Banega, che guadagna meno di due milioni di euro e ne costa circa 10. Fernando resta un nome caldo, ma potrebbe rinnovare con il Porto o andare al Milan a giugno. Difficile che Song lasci il Barcellona per venire al Napoli, mentre su Jorginho (foto by Infophoto) lavora alacremente la Fiorentina per anticipare il club partenopeo. Secondo quanto riportato da Sportmediaset, Della Valle avrebbe già offerto al Verona 7 milioni di euro e una contropartita tecnica interessante per acquisire le prestazioni del giocatore a giugno.

A cura di Maria Grazia De Chiara