Ultime ore frenetiche per il calciomercato del Napoli. Giuntoli è chiamato alle grandi manovre in extremis. Ha da piazzare, infatti De Guzman, Zuniga, Andujar, Fideleff più, eventualmente, Henrique, oltre che a perfezionare l’acquisto di Chalobah dal Chlesea e di un altro centrocampista.

Calciomercato Napoli: Chalobah

Nel tardo pomeriggio di ieri è spuntato il nome di Nathaniel Chalobah. 21 anni, difensore e centrocampista di proprietà del Chelsea. Inglese originario della Sierra Leone, Chabolah è da ieri sera a Napoli per effettuare le visite mediche per il club azzurro.

Chalobah è stato spedito dai Blues a farsi le ossa in mezza Inghilterra. In tre anni Nathaniel ha indossato già cinque maglie: Watford, Nottingham Forest, Middlesbrough, Burnley e Reading.

Ora una esperienza di respiro europeo: Chalobah potrebbe vestire la maglia azzurra con la formula del prestito secco, fatto che fa capire come il Chelsea creda molto nel ragazzo.

Calciomercato Napoli: Zouma e Soriano

Giuntoli sta tentando la doppia operazione con il Chelsea. Oltre a Chalobah, da Londra potrebbe approdare anche il difensore francese Kurt Zouma.

Classe ’94, è stato acquistato la scorsa estate dal Saint-Etienne. Mourinho lo ha impiegato 18 volte nella scorsa stagione.

In queste ore è previsto un incontro tra Marina Granovskaia e l’entourage del club partenoepo.

Clamorosa svolta per Soriano. Il Napoli ha trovato l’acordo con la Sampdoria. Ai blucerchiati andranno 13 milioni, più il prestito di Zuniga, per il quale i partenopei contribuiranno versando metà dello stipendio.

A questo punto si attende solo il Sì del calciatore.

Calciomercato Napoli, le uscite

Giuntoli è costretto agli straordinari perché ha da piazzare almeno tre dei cinque esuberi. Zuniga, come riferito, è vicino alla Sampdoria, Andujar all’Estudiantes, De Guzman al Bournemouth. Più difficile piazzare Fideleff (ipotizzabile la rescissione) e Henrique (che alla fin dovrebbe restare o andare all’Eibar, in Spagna).

Il rischio di rimanere con le carte in mano, a poche ore dal fatidico gong che segnerà il termine della sessione estiva, è assai alto.