Il calciomercato entra nel vivo e due dei maggiori protagonisti, Milan e Juventus, iniziano le loro manovre. Ma se su Carlitos Tevez sembra esserci una piccola concorrenza (la realtà dei fatti è che l’argentino è molto più vicino ai rossoneri che ai bianconeri), a Torino c’è da preoccuparsi per le frasi di Marchisio, che sembra ormai al passo d’addio con la Vecchia Signora.

I fatti: la giornata di giovedì ha visto Milano il centro del mondo del calciomercato. Adriano Galliani, rientrato dalla crociera rossonera, si è recato subito all’hotel Principe di Savoia per incontrare Kia Joorabchian, l’agente di Carlitos Tevez. E alla mente torna subito quella foto di oltre un anno fa, quando lo stesso Joorabchia, Tevez e Galliani vennero immortalati, sorridenti, a cena tutti assieme. E’ iniziata in quel momento la rincorsa all’Apache: il Milan e Tevez, insomma, sono promessi sposi da gennaio del 2012, quando il tutto saltò all’ultimo per l’opporsi, ostinato, di Silvio Berlusconi alla cessione di Pato al Psg. Dunque, l’incontro di ieri tra le parti. Qualche ora prima, però, lo stesso Joorabchian aveva incontrato anche Marotta e Paratici, per capire se fosse fattibile un approdo a Torino del suo assistito. Contrattazione vera o semplice disturbo al Milan? La Vecchia Signora, intanto, smentisce l’incontro. E’ presto per considerare la Juventus fuori dalla partita, come è presto per dire che il Milan abbia ormai Tevez in pugno. Ma sicuramente qualcosa d’altro accadrà: decisivo sarà l’approccio con il Manchester City.

Intanto, direttamente dal Brasile, Claudio Marchisio mette pressione alla Juventus: “Io precario? Questo lo dicono i giornali, di certo io non ho sentito né la Juventus né altre società – le sue parole dal ritiro della nazionale italiana – devo parlare con la società, lo farò finita la Confederations Cup. Devo capire se sono ancora importante per loro come è stato finora. Altrimenti sarà naturale valutare altre strade. Quello che penso già lo sapete riguardo la mia volontà di restare in bianconero, ma le cose si fanno in due. Comunque quando parleremo valuteremo se c”è o meno del vero circa le offerte che si sentono. Io posso garantirvi che non ho sentito nessuno”.