L’avevamo detto: per arrivare ad Alessio Cerci il Milan avrebbe dovuto sacrificare Mario Balotelli. E le due cose stanno accadendo contemporaneamente. Dopo aver rifiutato un’offerta di 14 milioni di euro dall’Atletico Madrid per l’esterno, il Torino pare intenzionato a cedere il giocatore ai rossoneri. E per la sfida di domani a Spalato, play off di Europa League, Ventura  non ha convocato Cerci. Chiaro segnale che il trasferimento potrebbe essere imminente.

A cambiare le carte in tavola, non sarebbero solo i soldi – il Milan ha comunque alzato l’offerta da 10 a 13 milioni di euro – ma la contropartita tecnica, ossia Antonio Nocerino a titolo definitivo al Toro, e alcuni giovani da inserire nello scambio (ComiVerdi piuttosto che Benedicic). Il rialzo sarebbe dovuto proprio alla vicina cessione di Balotelli al Liverpool. 

Secondo Repubblica, per Bad Mario gli inglesi hanno offerto 22 milioni di euro tra prestito oneroso e diritto di riscatto, contro i 25 cash richiesti dal Diavolo. Distanza colmabile a breve, anche perché Mino Raiola sta lavorando da tempo all’operazione. Per il Balo è pronto un contratto quadriennale da oltre sei milioni di euro netti a stagione (due in più di quelli attuali). Cerci, invece, firmerà un quadriennale da due milioni netti a stagione a più bonus.