Una telefonata allunga la vita, recitava un famoso spot degli anni novanta, e nel caso del Milan potrebbe portare un difensore. Dopo il no dell’Inter alla cessione in prestito gratuito di Matias Silvestre, Adriano Galliani ha alzato il telefono e ha chiamato l’amico Enrico Preziosi, presidente del Genoa, in cerca di aiuto. Una breve chiacchierata ed è spuntato un nome, quello di Andreas Granqvist, difensore svedese in scadenza nel 2015. Preziosi vuole prima capire se può arrivare a Silvestre, ma non ha detto no a priori, come confessato alla stampa in occasione della presentazione del calendario di serie A della prossima stagione: “Mai nulla di programmato tra me e Galliani: andiamo a cena e poi vediamo. Non diciamo: vediamoci per fare un affare. Su Granqvist vediamo. Su di lui ci sono offerte di club stranieri. Ora parleremo e poi decideremo“.

I playoff di Champions League si avvicinano, il Milan ha necessità di sostituire Bonera, out 90 giorni per la frattura della rotula del ginocchio destro, e Galliani vuole regalare ad Allegri il nuovo difensore. Ha fretta di chiudere, ecco perchè ha già proposto al patron del Genoa l’acquisto in comproprietà di Granqvist, trattativa che si può chiudere sulla base di 2,5 milioni di euro. La cena di questa sera potrebbe portare già alla fumata bianca. Preziosi e Galliani hanno dimostrato in passato di sapere come chiudere un affare: da Boateng ad El Shaarawy, passando per Constant, Borriello, Papastathoupoulos, Amelia, Merkel o Acerbi. Granqvist sarà il prossimo ma di certo non l’ultimo.